14 Luglio 2019

Visita dermatologica, le patologie più frequenti

Visita dermatologica, le patologie più frequenti

Come si svolge una visita? Quando fare un controllo dei nei? Ne parliamo con la dottoressa Francesca Besagni del Poliambulatorio del Centro Cardinal Ferrari 


Visite dermatologiche in regime ambulatoriale per adulti e bambini/ragazzi (da 0 a 18 anni). Il Poliambulatorio del Centro Cardinal Ferrari arricchisce l’offerta delle prestazioni introducendo anche la Dermatologia. Ad effettuare le visite in regime libero professionale è la dottoressa Francesca Besagni, dermatologa specializzata anche in dermatologia pediatrica.

Quali prestazioni sono richiedibili?
«L’ambulatorio ha le strumentazioni per diagnosticare in generale le patologie dermatologiche di adulti e bambini. Dalla valutazione delle lesioni melanocitarie (nevi) alle lesioni infiammatorie, vascolari, virali ed epiteliomatose. È possibile trattare in sede di visita lesioni cheratosiche e verrucose mediante Crioterapia».

Quali sono le patologie più frequenti?
«Le patologie più frequentemente riscontrate sono: dermatite atopica, esantemi virali, acne giovanile e lesioni virali (verruche e molluschi contagiosi) nell’età pediatrica; psoriasi, vitiligine, dermatiti professionali ed allergiche, lesioni tumorali nell’età adulta».

In cosa consiste la visita dermatologica?
«Si divide in due momenti: l’anamnesi del paziente, cioè la raccolta di tutte le informazioni riguardanti la storia e lo stile di vita e la patologia (comparsa e durata della manifestazione, caratteristiche dei sintomi); la valutazione da parte dello specialista delle manifestazioni cutanee che hanno spinto il paziente a sottoporsi alla visita. In caso di dubbio sulla diagnosi, si potranno richiedere esami strumentali – come test allergologici, tampone cutaneo e biopsia cutanea – e/o del sangue, in quanto molto spesso una lesione della cute può essere un sintomo di una malattia sistemica. Ciò accade, ad esempio, nell’ambito di malattie di natura autoimmune o reumatologica.
L’esempio più conosciuto è quello della psoriasi cutanea che in un 20% dei casi si associa ad artrite. Anche altre malattie autoimmuni gravi e sistemiche, tuttavia, come lupus, dermatomiosite, sclerodermia, e vasculiti sono precedute o si accompagnano a specifiche lesioni cutanee.»

Quanto è importante il controllo dei nei?
«È fondamentale per una prevenzione precoce del melanoma e di eventuali lesioni pigmentate (nevi) a rischio. In particolare, è importante valutare i nevi congeniti (nevi che si presentano dalla nascita o entro il primo anno di vita) e tutti gli eventuali nevi acquisiti con caratteristiche atipiche. Infine, il controllo dei nevi deve essere fatto lontano dal tipico periodo di esposizione solare».

Estate. Consigli per proteggere la pelle dal sole?
«È necessario applicare creme solari con un ampio spettro protettivo (SPF 50+). Da ricordare: i solari non proteggono dal tumore della pelle se non correttamente usati e associati ad adeguate misure di comportamento al sole, quali ad esempio, astensione nelle ore centrali della giornata».

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *