4 Ottobre 2018

Richiedenti protezione internazionale vigilano sulle scuole

Richiedenti protezione internazionale vigilano sulle scuole

Il servizio ha preso avvio con l’inizio dell’anno scolastico, grazie ad un progetto attivo da aprile che vede coinvolto anche il Corpo Unico della Polizia Municipale


Richiedenti protezione internazionale impegnati in attività di vigilanza scolastica, accanto ai volontari Auser, grazie anche al coinvolgimento delle associazioni Svoltare Onlus e e Gruppo Umana Solidarietà, in sinergia con il Comune di Parma. Al momento sono attivi 9 richiedenti protezione internazionale e 3 sono le riserve che collaborano nella gestione del traffico che gravita attorno a sette scuole della città. Il servizio ha preso avvio con l’inizio dell’anno scolastico, grazie ad un progetto attivo da aprile che vede coinvolto anche il Corpo Unico della Polizia Municipale.

L’impegno dei richiedenti protezione internazionale è particolarmente importante in quanto permette di liberare forze della Polizia Municipale che possono essere impiegate in modo proficuo sul territorio a servizio della cittadinanza.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente di Auser, Arnaldo Ziveri. “Avere con noi questi ragazzi – ha precisato Ziveri – è una bella esperienza che speriamo continui e si consolidi nel corso del tempo. Sono ragazzi responsabili e felici di prestare la loro opera per la città e la sicurezza dei bambini. Siamo convinti che l’azione portata avanti dai richiedenti protezione internazionale sia altamente qualificante per la vita della nostra comunità e per la loro crescita personale e integrazione”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *