20 Gennaio 2016

VIDEO. Giovani Pd: “Parma non è una città per studenti”


Presentata un’indagine per mettere in luce i problemi quotidiani e non dei giovani. “Le politiche giovanili adottate dal Comune 5 Stelle sono fallimentari”


Potenziare il trasporto pubblico serale, prolungare l’orario di chiusura delle biblioteche comunali, creare nuovi spazi di aggregazione per i giovani e realizzare una rete WiFi funzionante ed efficiente in città: sono queste alcune delle proposte dei giovani del Partito Democratico cittadino che, attraverso un questionario, hanno raccolto i pareri di circa 250 ragazzi delle scuole superiori.

A presentare i risultati dell’indagine, i giovani del Pd di età compresa tra i 17 e i 21 anni, Matteo Broso (vedi l’intervista), Rocco Ghevara, Gregorio Scaffardi, Tito Moro e Francesco Azzarone (rappresentante del “Romagnosi”), in presenza di Lorenzo Lavagetto. «Presentiamo un’esperienza originale sia per il Pd che per Parma – ha dichiarato Lavagetto –, perchè ci siamo occupati della situazione giovanile. Si è dunque costituito un gruppo il cui proposito era – e continua a essere – quello di fare da “ponte” tra i ragazzi e il mondo della politica».

I ragazzi in questione dunque, con banchetti davanti alle scuole durante il mattino e in via Mazzini nel pomeriggio, hanno raccolto i pareri dei giovani parmigiani, esaminando non solo le problematiche inerenti al loro stato di studenti, ma anche la propensione a partecipare a iniziative politiche. «Uno degli obiettivi del Pd cittadino – ha commentato uno dei ragazzi presenti – sarà quello di raccogliere le adesioni dei giovani che hanno dichiarato di essere vicini alle nostre idee e provare a intercettare quel bacino di ragazzi che ancora non ha le idee chiare».

I ragazzi del Pd, però, le idee chiare le hanno, eccome: «Le politiche giovanili adottate dal Comune sono insufficienti e, anzi, fallimentari – hanno commentato –. Non siamo solo noi a percepirlo, ma anche tanti ragazzi che hanno risposto al nostro questionario affermando di non vedere alcuna misura adottata dal Comune a favore dei giovani, a eccezione di piccoli interventi, come la realizzazione della Young Card».

Da questa esperienza è nata la voglia di organizzare un evento, in collaborazione con le scuole, mercoledì 27 gennaio alle 17,30 presso l’Arci Zerbini. «Abbiamo pensato di proporre una sorta di ParMap dedicato ai giovani – hanno rivelato i ragazzi –. Così, nasce Barcamp che sarà diviso in tre tavoli tematici dedicati a trasporti e diritto allo studio, partecipazione e cittadinanza attiva, spazi di aggregazione».

 

Da / 4 anni fa / Città /

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *