6 febbraio 2018

Via Marmolada, donna si trova faccia a faccia con il ladro

Via Marmolada, donna si trova faccia a faccia con il ladro

Stava preparando la cena assieme a suo figlio, quando si è recata in camera da letto e se lo è trovato davanti. Alla vista della donna, il ladro è fuggito via con qualche anello e un paio di collane


Il ladro si era introdotto in casa sua e se lo è trovato davanti.

É successo in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina di via Marmolada, una laterale di via Trento. Erano circa le otto e trenta di sera di venerdì 2 febbraio, quando la donna si trovava in cucina assieme al suo bambino, intenta a preparare la cena per la sua famiglia. Ad un certo punto ha sentito dei rumori provenire dal piano di sotto, pensando che si trattasse dei vicini che spostavano mobili, in quanto trasferiti da poco nell’edificio. In realtà era ladro che non era riuscito nel suo intento di spaccare il vetro di una porta blindata del piano terra. Dopo aver forzato una porta finestra, è riuscito ad introdursi in un appartamento del piano superiore e, da lì, a salire fino a quello in cui la donna stava trafficando ai fornelli in compagnia di suo figlio. Il malvivente si è diretto in camera da letto, dove ha iniziato a frugare in cerca di oggetti di valore che facevano al caso suo. A quel punto la vittima, dopo essersi ricordata di dover prendere qualcosa, si è recata nell’altra stanza, trovandoselo di fronte. A causa della paura che potesse fare del male a lei e al suo bambino, è rimasta immobile senza riuscire a reagire. Alla vista della donna, il ladro è fuggito con un bottino composto da qualche anello e un paio di collane.

Le forze dell’ordine, che si trovavano in zona per alcuni colpi messi a segno nelle palazzine di fronte, sono giunti subito sul luogo dell’accaduto, cercando di tranquillizzare la donna, la quale voleva semplicemente trascorrere il venerdì sera assieme alla sua famiglia.

Purtroppo episodi di questo genere sono ormai all’ordine nel giorno e, nella stessa serata di venerdì, sono stati messi a segno tre colpi a pochi metri in un brevissimo lasso di tempo. Anche la vittima dell’accaduto ha ammesso che già una volta aveva incrociato i ladri mentre fuggivano per le scale di casa sua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *