8 agosto 2018

Università, pubblicato il bando del master in Tecnologie del suono e composizione musicale

Università, pubblicato il bando del master in Tecnologie del suono e composizione musicale

Corso realizzato dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” in collaborazione con Università, Comune e Casa della Musica – Casa del Suono. Domande entro il 15 novembre 2018


È stato pubblicato il bando del Master annuale di I livello in Tecnologie del suono e composizione musicale, realizzato dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” in collaborazione con Università di Parma, Comune di Parma e Casa della Musica – Casa del Suono.

Scopo del Master è formare compositori, sound designer e artisti in grado di operare nell’ambito della musica sperimentale e d’avanguardia con mezzi tecnologici sofisticati, nonché esperti in campo elettroacustico e informatico in grado di occuparsi della regia e diffusione del suono di concerti e spettacoli dal vivo, della progettazione dello studio di registrazione e dei sistemi relativi al ciclo della produzione audio (inclusi i più aggiornati sistemi di diffusione e i controlli in campo audio e digitale); esperti audio nel campo dell’editoria multimediale; esperti nella registrazione e catalogazione delle fonti sonore; fonici e progettisti per studi radiotelevisivi, apparati audio, studi di registrazione, eventi concertistici.

Gli allievi potranno sperimentare avanzate tecniche di composizione e riproduzione sonora di tipo “spaziale”, utilizzando i sistemi elettroacustici della Casa della Musica e della Casa del Suono, che includono due sistemi di altoparlanti 3D Ambisonics, un sistema Stereo Dipole (binaurale), un sistema Wavefield Synthesis (WFS) dotato di 189 altoparlanti e di proiezione video a 360 gradi, e infine il Lampadario Sonoro, una cupola equipaggiata di 226 altoparlanti, che costituisce probabilmente l’unica installazione WFS sferica al mondo.

La domanda di ammissione alla selezione va presentata entro il 15 novembre 2018. La selezione dei partecipanti si svolgerà il 17 dicembre 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *