26 agosto 2015

Università: 53 premi di studio per future matricole

Università: 53 premi di studio per future matricole

Tra i criteri di selezione sono previsti il voto di maturità, le conoscenze linguistiche certificate e l’aspetto motivazionale della futura matricola


 Si chiama Network Università di Parma – Impresa, ed è un’azione mirata a sviluppare un programma di partnership con le aziende e con le associazioni che fanno riferimento al mondo produttivo: l’obiettivo è quello di promuovere percorsi di eccellenza tra gli studenti nell’ambito di corsi di studio selezionati dal tessuto industriale e produttivo del territorio.

L’azione rientra nel programma 2015 del Progetto “Università orienta: percorso guidato dalla Scuola all’Università e dall’Università al lavoro”, proposto dall’Ateneo di Parma al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito della programmazione triennale 2013-2015. Il progetto intende promuovere azioni di orientamento in ingresso, in itinere e in uscita dal percorso di studi, ai fini della riduzione della dispersione studentesca e ai fini del collocamento nel mercato del lavoro.

 In sostanza le aziende e le associazioni di riferimento del mondo produttivo del territorio hanno voluto offrire un supporto concreto ai giovani neodiplomati, per incentivarli a intraprendere percorsi di studio per i quali i tassi di occupazione sono particolarmente elevati a livello locale.

La collaborazione tra Università di Parma e aziende è stata formalizzata da una serie di convenzioni finalizzate al cofinanziamento di premi di studio, per la copertura della prima rata della tassa di immatricolazione per giovani neodiplomati. I beneficiari verranno individuati tramite bando di selezione, al quale è già possibile aderire.

Tra i criteri di selezione sono previsti il voto di maturità, le conoscenze linguistiche certificate e l’aspetto motivazionale della futura matricola.

 A fare da “apripista” al Network è stata l’Unione Parmense degli Industriali, che ha aderito con entusiasmo siglando una convenzione con l’Ateneo nel mese di aprile 2015. Analoghe convenzioni sono state firmate dall’Università con i seguenti enti e aziende: Ordine degli Ingegneri della Provincia di Parma, Sezione degli Edili dell’Unione Parmensi degli Industriali, Impresa Allodi srl, Impresa Pizzarotti & C. spa, Impresa Compagnia Generale Ripreseaeree spa, Emiliamabiente spa, BPER Services, società consortile di Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

 Un’adesione massiccia, dunque, che testimonia i proficui rapporti di collaborazione e interazione instaurati dall’Università di Parma con le imprese, gli enti e le istituzioni del territorio.

 Saranno erogati complessivamente 53 premi di studio.

 Premi di studio per future matricole dei corsi di laurea in: Biotecnologie, Chimica, Fisica, Informatica, Ingegneria Civile e Ambientale, Ingegneria gestionale, Ingegneria informatica, elettronica e delle telecomunicazioni, Ingegneria meccanica, Matematica, Scienze della natura e dell’ambiente, Scienze e tecnologie alimentari, Scienze gastronomiche

 Premi di studio per future matricole dei corsi di laurea magistrale a ciclo unico in: Chimica e tecnologie farmaceutiche, Farmacia.

 Premi di studio per future matricole dei corsi di laurea magistrale in: Ingegneria Civile, Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, Matematica.

 Premi di studio per studenti che si iscriveranno al 2° anno dei corsi di laurea in: Informatica, Matematica.

 Modulo di adesione e ulteriori informazioni sul sito http://www.unipr.it/contributi-diritto-allo-studio alla voce Premi di Studio.

Inoltre è possibile richiedere informazioni all’indirizzo mail  sertasse@unipr.it

 I bandi in sintesi

 Bando di selezione per l’assegnazione di 32 premi di studio a studenti che si immatricoleranno nell’anno accademico 2015/2016 ai corsi di laurea in:

Biotecnologie

Chimica

Chimica e tecnologie farmaceutiche

Farmacia

Fisica

Informatica

Ingegneria gestionale

Ingegneria informatica, elettronica e elle telecomunicazioni

Ingegneria meccanica

Matematica

Scienze della natura e dell’ambiente

Scienze e tecnologie alimentari

Scienze gastronomiche

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma e Unione Parma degli Industriali

Scadenza: 23 settembre 2015

 Bando di selezione per l’assegnazione di 6 premi di studio a studenti che si immatricoleranno nell’anno accademico 2015/2016 al corso di laurea in:

Ingegneria Civile e Ambientale

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Parma, Sezione Edile dell’Unione Parmense degli Industriali

Scadenza: 23 settembre 2015

 Bando di selezione per l’assegnazione di 4 premi di studio a studenti che si immatricoleranno nell’anno accademico 2015/2016 al corso di laurea in:

Informatica

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma e BPER Services

Scadenza: 23 settembre 2015

 

Bando di selezione per l’assegnazione di 2 premi di studio a studenti che si iscriveranno nell’anno accademico 2015/2016 al 2° anno dei corsi di laurea in:

Informatica

Matematica

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma e BPER Services

Scadenza: 23 settembre 2015

 

Bando di selezione per l’assegnazione di 1 premio di studio a studenti che si immatricoleranno nell’anno accademico 2015/2016 al corso di laurea magistrale in:

Matematica

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma e BPER Services

Scadenza: 15 aprile 2016

 

Bando di selezione per l’assegnazione di 8 premi di studio a studenti che si immatricoleranno nell’anno accademico 2015/2016 ai corsi di laurea magistrale in:

Ingegneria Civile

Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio

Il Bando è cofinanziato da Università degli Studi di Parma, Allodi s.r.l., Impresa Compagnia Generale Ripreseaeree s.p.a., EmiliAmbiente S.p.A., Impresa Pizzarotti & C. S.p.a.

Scadenza: 15 aprile 2016

 L’ABF, in accoglimento di quanto da noi proposto, ha rigettato tutte le eccezioni della Banca, riconoscendo che nessuna responsabilità poteva essere concretamente imputabile alla nostra assistita e rilevando come l’Istituto Bancario avesse mancato di fornire la prova dell’avvenuta autenticazione delle operazioni addebitate alla cliente. Il Collegio, per questi motivi, ha disposto che la Banca provveda entro 30 giorni a corrispondere alla ricorrente le somme fraudolentemente sottrattele oltre agli interessi maturati e alle spese sostenute per il ricorso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *