29 Aprile 2016

Un avviso pubblico per assegnare locali a enti no profit

Da / 4 anni fa / Città / Nessun commento
Un avviso pubblico per assegnare locali a enti no profit

Le concessioni avranno durata quinquennale, ma con possibilità di revoca da parte del Comune


Il Comune ha pubblicato un avviso pubblico per l’assegnazione in uso di immobili comunali ad associazioni ed enti senza scopi di lucro.

“Cambiano le modalità di assegnazione degli immobili di proprietà del Comune, rispetto al passato – ha spiegato la vicesindaco Nicoletta Paci –; in base la nuovo regolamento, infatti, il Comune ha pubblicato un avviso, reperibile su sito del Comune, a cui possono fare riferimento associazioni ed enti no profit in cerca di una sede”. Gli edifici che verranno messi a disposizione si trovano sia nel centro città, sia in alcune frazioni del Comune di Parma e verranno assegnati in base a diversi parametri legati anche alla tipologia di enti ed associazioni richiedenti ed in base ai progetti presentati.

Gianpaolo Monteverdi, dirigente del Servizio Patrimonio del Comune, ha precisato che l’elenco degli immobili messi a disposizione è frutto di un’indagine conoscitiva che il Comune stesso ha avviato nei mesi scorsi. L’avviso pubblico, inoltre, garantirà assoluta trasparenza nelle modalità di assegnazione.

L’attuale avviso, pubblicato sul sito del Comune di Parma, riguarda alcuni locali attualmente non utilizzati, in particolare: due uffici all’interno dell’ex Municipio di Cortile San Martino, in via San Leonardo 47; due uffici al primo piano del Centro Argonne; un bilocale annesso all’ex Municipio di San Lazzaro, in via Zarotto 18/1; due uffici nell’ex Municipio di Golese, in strada Baganzola; un circolo al’ex scuola di Cervara, in strada Commenda; un ufficio all’ex Assistenza Pubblica in piazzale Rondani 3; sei uffici nell’ex scuola di via Testi; quattro uffici e tre appartamenti nell’ex Municipio di Vigatto a Corcagnano; un ufficio nell’ex Municipio di San Pancrazio in via Emilia Ovest 18.

A carico degli assegnatari saranno manutenzione ordinaria dei locali, custodia e pulizia. Il canone verrà determinato secondo il regolamento approvato dal Consiglio Comunale, che tiene conto della tipologia dei locali e della tipologia delle funzioni svolte dall’ente assegnatario, con riduzioni previste per le associazioni iscritte all’Albo delle Libere Forme Associative.
Le concessioni avranno durata quinquennale, ma con possibilità di revoca da parte del Comune. I locali verranno assegnati sulla base di graduatorie formate secondo le previsioni dello stesso regolamento.
Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire a mano o tramite raccomandata al servizio Patrimonio del Comune entro le ore 12 del 12 maggio prossimo.

VIDEO. Immobili: nuovi canoni alle associazioni

Più introiti per il Comune e più sconti per i soggetti senza scopo di lucro, operanti nei locali comunali

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *