7 Aprile 2016

Tep. CGIL: “Ci preoccupa il silenzio che avvolge questa vicenda”

Tep. CGIL: “Ci preoccupa il silenzio che avvolge questa vicenda”

In merito alla procedura di gara per l’affidamento del trasporto pubblico, l’organizzazione sindacale chiede a Comune e Provincia un dibattito sul futuro dell’azienda e dei suoi dipendenti


“A Parma, forse non tutti lo sanno, è in corso la procedura di gara per l’affidamento del trasporto pubblico. Al termine della gara si saprà chi “farà girare” gli autobus e le corriere sul nostro territorio per il prossimo decennio, almeno. Al termine della gara si saprà, di fatto, se Tep Spa, l’azienda di Comune e Provincia di Parma, ci sarà ancora.

I dati relativi alle aziende che hanno manifestato interesse non sono pubblici; tuttavia pare che la gara sarà affollata e che diversi soggetti, italiani e stranieri, siano particolarmente interessati a competere.

“Noi, come organizzazioni sindacali, – spiega Paolo Chiacchio, segretario generale FILT CGIL Parma – la nostra parte l’abbiamo fatta; siamo riusciti a sottoscrivere un accordo che garantisce a tutti i dipendenti Tep oltre al posto di lavoro anche le attuali condizioni normative ed economiche, anche nel caso si aggiudicasse il servizio un soggetto diverso. Tuttavia questo non ci pare sufficiente. Come rappresentanti dei lavoratori, ma anche come cittadini di Parma, ci preoccupa il silenzio che sta avvolgendo questa vicenda”.

“Non ci sfuggono – aggiunge Chiacchio – i vincoli di riservatezza che una procedura di gara di questo tipo impone. Tuttavia questi vincoli nulla hanno a che fare con un dibattito sul futuro di Tep, e più in generale sul trasporto pubblico della nostra città. Comune e Provincia, nel loro doppio ruolo di proprietà dell’azienda e di governo della città e del territorio provinciale, dovrebbero avere tutto l’interesse, e probabilmente l’obbligo di sviluppare questo dibattito per il bene dei tanti dipendenti Tep e, più in generale, dei cittadini che rappresentano”.

One Comment

  • Montali Gianni07. Apr, 2016

    Allora ci sono ancora…..
    Siamo lieti di vedere che le OO.SS., in questo caso la CGIL, sono interessati al destino della TEP, anche se avrei preferito che fossero interessati soprattutto al futuro del TPL nella nostra Provincia.
    Perché è chiaro che sono due cose completamente diverse: tanto è vero che l’unica precisazione contenuta nella nota della CGIL è che le OO.SS. sono tranquille perché hanno sottoscritto un accordo che garantirebbe a tutti i dipendenti le attuali condizioni economiche.
    Non ne sarei così certo, soprattutto perché mi pare che la norma, al di la di quelli che sono accordi sindacali, faccia riferimento esclusivamente al CCNL nazionale e quindi…..
    Ma anche in questa occasione ci si dimentica di quei soggetti, imprese private e relativi dipendenti (circa 120 persone) che negli ultimi anni hanno consentito alla stessa TEP di chiudere i bilanci in attivo e di essere considerata una delle migliori aziende di TPL a livello nazionale.
    E non stiamo parlando di noccioline, bensì di decine di milioni di euro negli ultimi 15 anni: il risparmio per TEP è stato di circa 3 milioni all’anno per 15 anni !
    Quanto fa…..?
    Cifre ben diverse da quelle poche centinaia di migliaia di euro di cui le OO.SS. tempo fa si vantavano di aver fatto risparmiare alla azienda.
    Ma nonostante tutto questo le proprietà, l’azienda e le stesse OO.SS.(ci sono forse lavoratori di serie A e quelli di serie B ?) si sono ben guardati dal proporre una alleanza ai “privati” in vista della gara; anzi proprio qualche settimana fa sono state fatte loro promesse che poi non sono state mantenute.
    E’ ormai evidente, al di la del silenzio tombale che regna, che TEP si alleerà con TPER e con SETA (auguri…..) per chiudere il cerchio da Modena fino a Piacenza e che sarà proprio TPER a “cacciare moneta” visto che SETA non ha un becco di un quattrino, ma solo conflitti tra RE e MO, e che le due proprietà (Comune e Provincia) hanno pensato bene di prosciugare le riserve straordinarie di TEP (più di tre milioni di Euro) proprio alla vigilia della gara, risorse che potevano e dovevano essere proprio investiti nel rinnovo del parco veicolare e quindi acquisire maggior punteggio per vincere la gara stessa.
    Vediamo come va a finire….
    Grazie per l’attenzione
    Gianni Montali

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *