21 Febbraio 2017

Da Tep a Busitalia, Cgil: “Nessun dipendente perderà il lavoro”

Da / 2 anni fa / Città / 1 Comment
Da Tep a Busitalia, Cgil: “Nessun dipendente perderà il lavoro”

Il segretario generale Filt Cgil: “Non lasceremo che si facciano recuperi economici sulla pelle dei lavoratori”


Dopo 70 anni cambia la gestione del trasporto pubblico in città, ma nessuno, secondo quanto garantito dal segretario generale Filt Cgil, Paolo Chiacchio, perderà il posto di lavoro a causa  di tale passaggio.

“L’articolo pubblicato oggi dalla Gazzetta di Parma, in merito al subentro a Parma di Busitalia nel servizio di trasporto pubblico, lascia intendere che non tutti gli attuali dipendenti saranno riassunti – spiega Chiaccio – Noi, già ieri, abbiamo avuto modo di affermare che non lasceremo che eventuali recuperi economici siano fatti sulla pelle dei lavoratori.

A maggior ragione non permetteremo una contrazione dell’occupazione, che tra l’altro non serve all’azienda, alla quale anzi servirebbero assunzioni. Tutti i dipendenti in forza al momento del subentro devono transitare al nuovo soggetto, nessuno escluso. Non vogliamo nemmeno prendere in considerazione una ipotesi diversa, che porterebbe di certo ad una situazione di scontro che non gioverebbe a nessuno”.

Addio a Tep. Ufficiale l’assegnazione trasporto a Bus Italia

Cambia la gestione dopo 70 anni. Cgil: “C’è chi ha fatto ben poco per gestire questo percorso”. Pellacini: “il grande assente è il Sindaco Pizzarotti”

0 comments

Trasporto pubblico, Tep: “Verificheremo la legittimità dell’assegnazione”

“Offerte eccessivamente al ribasso possono avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti che pagano il biglietto e sui lavoratori”

0 comments

Pellacini: “Tep e trasporto pubblico, il Sindaco non dice nulla”

Il capogruppo del Consiglio Comunale attacca Pizzarotti: “Ha saputo solo distruggere piuttosto che creare nuove idee”

0 comments

One Comment

  • stefano greci21. Feb, 2017

    A beh… Se lo dice la cgil…. Ci prendono per il…. i fondelli da 70 anni! Hanno permesso il proliferare di cooperative dove pagano 5 CINQUE euro all’ora, solo perchè le cooperative sono tutte di sinistra, stanno permettendo un immigrazione incontrollata a discapito dei nostri disoccupati, ora dobbiamo ancora fidarci di questi parassiti inutili? Ma andate a quel paese.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *