30 Settembre 2019

Un Parma incontenibile doma il Toro

Un Parma incontenibile doma il Toro

Succede di tutto al Tardini: cinque gol, due rigori e un’espulsione, ma allo scadere i gialloblu trionfano 3 a 2. Rigore sbagliato da Gervinho


Un altro trionfo al Tardini dopo quello con il Sassuolo, un’altra vittoria allo scadere, questa volta arriva all’88’, grazie a Roberto Inglese, relegato in panchina per Corbelius dopo le ultime prestazioni poco convincenti e entrato a dieci minuti dal termine. Parma-Torino finisce 3-2, dopo una vera e propria battaglia, un apartita bellissima. Il Torino con un uomo in meno dal 28′ pt per l’espulsione di Bremer per somma di ammonizioni va già andato sotto al 2′ del pt con una rete in scivolata Kulusevksi, su assist di Gervinho che anticipa Izzo e mette in mezzo all’area dove trova lo svedese pronto a segnare la sua prima rete in serie A.

Ma i gialloblu devono ancora registrare la difesa, lasciano spesso troppo solo Ansaldi che si allarga sulla fascia destra e al 12′ incorna per la rete del pareggio. Poi i due rigori: il primo per il Parma, che sbaglia con gervinho, concesso per un fallo di mani di Bremer, espulso per doppia ammonizione; poi del Torino che con Belotti, al 43 del pt, non sbaglia. Sembra che il primo parziale si chiuda così, ma al 48′ del pt Cornelius, imbeccato magnificamente da Kulusevski, permette ai gialloblu di andare sul riposo per 2 a 2.

A inizio ripresa il Parma ci prova a sfruttare la superiorità numerica e va anche vicino al gol con Gervinho, il Torino risponde con Izzo al 73′, blocca Sepe quasi sulla linea di porta. Quando tutto sembra finito, all’88’ arriva il sospirato gol del 3 a 2 con Inglese, che D’Aversa butta nella mischia per tentare il tutto per tutto. L’attaccante è pronto a raccogliere un cross dalla destra di un instancabile Gervinho e approfittando di un rimpallo infila Sirigu. C’è solo il tempo per l’espulsione di Mazzarri per doppia ammonizione, poi arriva il fischio finale. Il Parma raggiunge il Torino a quota 9 punti ed è ottavo in classifica.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *