14 Maggio 2016

Stop ai diserbanti nelle aree verdi delle scuole e nei parco giochi

Stop ai diserbanti nelle aree verdi delle scuole e nei parco giochi

Severe restrizioni e impiego di mezzi alternativi per i prodotti fitosanitari in città


Saranno i sindaci a individuare le zone in cui l’uso dei diserbanti sarà vietato e dove, invece, sarà saltuariamente possibile, ma senza rischi per la popolazione.

Ma non solo: forti limitazioni anche all’impiego di insetticidi e fungicidi per la protezione delle piante nelle aree verdi frequentate dalla popolazione. La Giunta Regionale ha dato il via libera alle Linee di indirizzo per l’impiego dei prodotti fitosanitari nelle aree extra-agricole che integrano le norme previste nel Piano d’azione nazionale (Pan) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari.

Il testo riserva un’attenzione particolare ai “gruppi vulnerabili”, come minori, anziani e disabili. In particolare, i diserbanti saranno banditi nelle aree cortilive delle scuole dell’infanzia, primaria e centri diurni per l’infanzia e nelle aree gioco dei parchi destinati ai bambini. Le zone dove i sindaci consentiranno l’uso saltuario dei diserbanti – soluzione limitata ai casi dove altri mezzi alternativi non sono praticabili – dovranno comunque essere caratterizzate da una presenza della popolazione saltuaria o limitata nel tempo.

Per erbe infestanti e insetti dannosi alle piante si dovranno dunque utilizzare metodi naturali e biologici (lancio di insetti utili) o meccanici (sfalci, asportazione delle parti infestate) o ancora fisici (vapore o schiume). Solo in  caso di effettiva necessità si potrà ricorrere ai prodotti chimici.

Le Linee guida sono rivolte anche agli agricoltori che effettuano trattamenti nelle coltivazioni adiacenti alle aree frequentate dalla popolazione. Anche in questo caso sono state definite modalità di segnalazione e di avviso.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *