22 Agosto 2015

Stanziati 7 milioni per le scuole: in tutto 30 cantieri aperti

Stanziati 7 milioni per le scuole: in tutto 30 cantieri aperti

Si tratta di 5.855.000 per l’antisismica e maggiore efficienza energetica, 747mila di prevenzione incendi e 417mila di manutenzione straordinaria. Il costo della Racagni “lievita” di mezzo milione di euro


Ha preso avvio il piano straordinario relativo all’edilizia scolastica 2015 – afferma l’assessore al Lavori Pubblici Michele Alinovi -, per la prima volta faremo un’azione di prevenzione su tutte le scuole comunali, la vera novità è che non si seguirà l’emergenza, ma mettiamo in atto un vero e proprio programma organico nato da una schedatura di tutti gli interventi necessari da fare in relazione alle risorse disponibili”

Un piano che ha portato ad aprire 27 cantieri nel 2015, di cui una parte, per circa 4 milioni di euro, si concluderanno entro quest’anno con l’obiettivo di intervenire su tre diversi fronti: la sicurezza sismica, la prevenzione incendi e il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Alla fine i cantieri saranno comunque 30, considerando anche quelli più rilevanti che proseguiranno anche nel 2016.

“Gli interventi più significativi riguardano quattro asili:  la scuola materna Zanguidi e il nido Zucchero filato (600mila euro, con interventi di miglioramento sismico ed efficientamento energetico con l’isolamento della facciate esterne tramite un sistema a “cappotto”); la materna Tartaruga (615 mila per interventi di miglioramento sismico ed efficientamento energetico); al nido Fiocco di Neve (651 mila miglioramento sismico, efficientamento energetico ed adeguamento alla normativa antincendio); e al nido Mappamondo (700 mila per la messa in sicurezza da un punto di vista della prevenzione incendi della struttura, con la verifica complessiva degli impianti elettrici ed il loro adeguamento entro settembre.

Il Comune, complessivamente, ha stanziato 7 milioni di euro sul bilancio 2015. Di questi 5.855.000 sono destinati al miglioramento sismico ed all’efficienza energetica, per la prevenzione incendi, lo stanziamento è di 747 mila euro con la previsione di concludere i lavori entro il 2015. In tema di ristrutturazione edilizia e manutenzione straordinaria il totale dei lavori che verranno terminati entro il 2015 è pari 417.000 euro. Dei complessivi  7.019.000 euro,  3.935.000, riguardano lavori che saranno conclusi entro l’anno.

Negli interventi è previsto anche un aumento dei costi per la scuola Racagni, che lievita di 500 mila euro, per interventi di bonifica da idrucarburi del terreno sottostante la palestra, che non erano stati individuati al momento della definizione dell’appalto. Altro intervento rilevante è quello presso la Cocconi, costo 584 mila euro, fine lavori settembre 2016, è previsto l’efficientamento energetico della palestra con lampade led e contestuale ristrutturazione della palestra e dell’auditorium per la certificazione prevenzione incendi.

Un investimento consistente sarà poi fatto sulle elementari Anna Frank e la materna Sergio Neri, con costi pari a 2 milioni di euro per il primo stralcio con inizio lavori entro il 2015 e la demolizione e successivo rifacimento di palestra, spogliatoi, mensa e teatro.

Nel dettaglio ecco gli altri interventi minori, suddivisi per aree di azione:

In tema di miglioramento ed adeguamento sismico ed efficienza energetica. Alla Corazza, costo 62 mila euro, fine lavori settembre 2015, è in programma la rimozione amianto sulla copertura della piscina e realizzazione nuova copertura ad alta efficienza energetica. Interventi minori sono in programma alla Martiri di Cefalonia (13 mila euro, lavori conclusi entro settembre 2015), alla Pezzani (13 mila euro, conclusione lavori settembre 2015), alla Bottego (18 mila euro, fine lavori entro settembre 2015). Per le medie Ferrari sono stati stanziati 29 mila euro, con fine lavori entro settembre 2015. Alle medie Don Cavalli, sono stati stanziati 75 mila euro per l’efficientamento energetico delle palestra, con fine lavori settembre 2015.

In tema di prevenzione incendi i plessi interessati sono le elementari e medie Verdi di Corcagnano per costi pari a 103 mila euro, la Scuola Europea di via Saffi con costi pari a 62 mila euro, la materna Agazzi di Baganzola con un investimento pari a 162 mila euro, la materna di Vigolante per costi pari a 124 mila euro, a cui si aggiungono, per un totale di 296 mila euro, le seguenti scuole: materna Abracadabra, nido Pifferaio Magico, nido La Margherita, nido Gomitolo, nido Bolle di Sapone, nido Le Nuvole e nido Bruco Verde. In tema di prevenzione incendi, grazie agli interventi attuati nella prima parte del mandato, oltre il 70 % delle strutture scolastiche è dotata di certificazione, l’obiettivo è di raggiungere il 100 % per i nidi entro la fine di quest’anno.

In tema di ristrutturazione edilizia e manutenzione straordinaria i lavori riguardano le elementari Natali Palli, nido e materna Primavera di Fognano, costo 112 mila euro, con l’adeguamento degli spazi interni ed il contestuale aumento delle sezioni scuola primaria e spazi dedicati alla mensa. Alla Jacopo Sanvitale, costi 47 mila euro, è prevista la ristrutturazione della sala polivalente e la realizzazione di un sistema antintrusione. Alle elementari Ulisse Adorni, sono previsti 18 mila euro per l’adeguamento acustico della palestra; per le elementari Micheli ed alla materna I Deflini sono stati stanziati 57 mila euro per il parziale rifacimento della copertura e l’efficientamento energetico della palestra con lampade a led. Alla media Salvo D’Acquisto, costi 153 mila euro, è previsto il rifacimento integrale della rete fognaria a seguito dell’alluvione. Alla media Don Milani, 30 mila euro serviranno per per l’installazione di un impianto di dissuasione volatili ed un intervento volto ad eliminare gli allagamenti al piano seminterrato, con contestuale bonifica delle pareti in cartongesso.

L’ingegner Albino Carpi ha sottolineato come gli interventi siano stati realizzati in tempi molto ridotti, ringraziando le aziende che hanno preso in carico gli appalti, i tecnici del Comune e di Parma Infrastrutture Spa. “L’obiettivo – ha concluso – è quello di fare in modo che i bambini che frequentano le scuole di Parma siano più sicuri a scuola che a casa loro”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *