6 Gennaio 2018

Staccare la spina, scegliendo vacanze no Wi-Fi e senza cellulare

Staccare la spina, scegliendo vacanze no Wi-Fi e senza cellulare

Sempre più numerosi gli hotel che offrono soggiorni digital detox per disintossicarsi dalla tecnologia


Staccare completamente in vacanza scegliendo luoghi dove non essere distratti dagli squilli di cellulari e star bene con la propria famiglia, oggi sempre connessa tra tablet e smartphone, è possibile? Sicuramente una sfida per chi ama chattare, pubblicare post delle proprie vacanze, condividere esperienze legate al tempo libero. «Siamo sempre più connessi, in media passiamo quattro ore e mezza su internet. I social media sono sempre più presenti nella nostra vita quotidiana e a volte possono anche creare delle dipendenze – spiega Silvia Ombellini cofounder insieme a Simone Riccardi del sito Ecobnb www.ecobnb.it, portale nato a Parma con l’idea di cambiare il modo di viaggiare, per far emergere, mettendole in rete, le possibilità di turismo rispettoso dell’ambiente, dell’economia e delle comunità locali. «Staccare dal cellulare non è semplice – sottolinea Silvia – ma è una pratica salutare, forse proprio per questo sempre più persone sono alla ricerca del “digital detox”, soprattutto in vacanza».

Esistono hotel che oggi offrono vacanze digital detox?
«Sì, una notizia interessante è che diversi hotel, soprattutto tra quelli che puntano sul benessere e sull’eco- sostenibilità, offrono ai loro ospiti un servizio di digital detox. Si va dai resort di lusso, come Eremito, un antico monastero immerso nel verde dell’Umbria che propone una vacanza disintossicante anche dal cellulare fino ai piccoli B&B che offrono un’esperienza a contatto con la natura, come il B&B Costalta a Compiano o il B&B Il Richiamo del Bosco, tra i boschi di Carrega».

Perché la gente cerca sempre di più località poco affollate, immerse nella natura?
«Sempre più persone sono alla ricerca di un contatto autentico con la natura, almeno in vacanza. La nostra vita urbana è sempre più caotica e sentiamo il bisogno di staccare la spina, di ritrovare il contatto con la terra, con i boschi e con gli elementi più semplici della natura che ci regalano effettivamente un grande benessere. Le esperienze a contatto con la natura sono molto apprezzate da chi viaggia con Ecobnb: dalla possibilità di partecipare ai lavori della fattoria, ai bagni di fieno, dalla raccolta delle olive alla produzione dei formaggi locali».

Un consiglio a chi vorrebbe ma non riesce a staccare in vacanza…
«Un’idea potrebbe essere quella di scegliere una destinazione che ti costringe a staccare la spina. Un esempio che abbiamo sperimentato in prima persona è il bellissimo parco naturale della Sila, in Calabria, dove si respira l’aria più pura d’Europa e i cellulari non prendono! In questo modo si è obbligati ad abbandonare per qualche giorno le email e i social, e a vivere davvero la vacanza!Un bellissimo esempio di turismo rurale, in una zona libera dal wi-fi».

Intanto, proprio da Parma a luglio scorso è stata lanciata l’idea della giornata digital detox per abbandonare telefoni e computer per un giorno leggi come è andata clicca qui

La piattaforma Ecobnb, che riunisce ospitalità eco-sostenibili in tutto il mondo, permette di filtrare la ricerca per trovare gli hotel che offrono un servizio “Digital Detox”. Alcuni consigli scelti per voi: Sardinna Antiga a Santa Lucia di Siniscola (Nuoro), dove le antiche capanne dei pastori sono state trasformate in un ecovillaggio, un rifugio dove è caldamente sconsigliato l’uso del cellulare per vivere in mezzo alla natura tra un vigneto biologico, un oliveto ed un orto bio; Diano Green a Diano San Pietro (Imperia), i libri e la musica sostituiscono le televisioni, la piccola shala è ricavata dal vecchio pollaio per fare yoga; SassoErminia a Novafeltria (Rimini), dove potrai consegnare smartphone e tablet alla reception e chiedere la disattivazione del wi-fi e del televisore in camera, dove un telo di cotone, sotto il coprimaterasso, collegato con una presa alla messa a terra scaricherà l’energia elettrostatica accumulata nel corpo. E all’estero? Una tappa a l’Orri de Planès in Francia, una locanda alloggio a misura d’uomo in un villaggio a 1500 metri, un paradiso per gli escursionisti.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *