7 Settembre 2015

Sport come inclusione sociale

Sport come inclusione sociale

Il 19 e il 20 settembre a Sant’Ilario d’Enza: “Giochi senza Barriere”


  Un appuntamento ormai giunto al terzo anno quello di “Giochi senza Barriere”; testimonianze, incontri, mostre e sport, tutto all’insegna dell’inclusione sociale.

Sabato 19 settembre al centro culturale Mavarta, ore 18 si darà il via ai giochi con l’incontro intitolato “Siamo tutti opere d’arte, il valore della diversità“. Quindi una diversità da intendere non come un limite bensì come capacità di esprimere talenti e capacità, questo racconteranno i testimoni che prenderanno la parola; saranno presenti: Mattia e Fulvio Luparia, Maicol Caiumi, Vittorio Melotti, Francesco Fungo Borghi, Consuelo Agnesi, Rocco Mora, Daniele Saccani.

Domenica 20 settembre il protagonista indiscusso sarà lo sport con giochi e attività aperti a tutti al Parco San Rocco (via Montello, 7 a Sant’Ilario Enza) con inizio alle ore 10.
Il programma della giornata prevede alle ore 10 l’avvio dei tornei che proseguiranno fino alle ore 17.30, alle 11 una biciclettata, alle 12.30 il pranzo “Insieme siamo il meglio” a sostegno delle attività del GIS. Tanti gli sport e le attività che si potranno praticare: basket, basket in carrozzina, judo, calcio, sitting volley, giochi motori, ballo, tiro con l’arco, ping pong, ginnastica artistica, laboratori e tanto altro…

Ad organizzare quest’iniziativa è il GIS “Genitori per l’inclusione sociale”, un’associazione attiva dal 2013 sul territorio della provincia di Reggio Emilia che ha lo scopo di garantire e fare rispettare i diritti delle persone con disabilità, combattendo ogni tipo di barriera. 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *