22 Febbraio 2017

Nucleo Antiviolenza della Municipale, aumentano le segnalazioni

Nucleo Antiviolenza della Municipale, aumentano le segnalazioni

Assessore Casa: “Nel 2016 circa 400 operazioni della Municipale”. Interventi legati a donne vittime di reato, tutela dei minori, problematiche famigliari e disagio sociale


Il Nucleo Antiviolenza della Polizia Municipale, attivo dal 2009, è impegnato nel supporto a donne vittime di reato, tutela dei minori, problematiche famigliari e disagio sociale. Un Bilancio, dell’attività del NAV per il 2016, è stata presentata dall’Assessore Cristiano Casa, insieme al Comandante Gaetano Noè, al vice comandante Giacomo Fiume e all’ispettore scelto Debora Veluti, responsabile del servizio. L’operato del Nucleo Anti Violenza della Polizia Municipale si fonda su azioni che presuppongono un’alta professionalità per la gestione di casi di assoluta delicatezza.

“Lo scorso anno il Nucleo Antiviolenza della Polizia Muncipale – ha spiegato l’assessore alla sicurezza Cristiano Casa – ha effettuato circa 400 operazioni. Si tratta di interventi molto delicati che riguardano il supporto a donne vittime di reati, tutela dei minori, problematiche famigliari e disagio sociale. E’ un lavoro importante, quello portato avanti dal Nucleo, che spesso sfugge, come conoscenza, alla maggioranza della popolazione ma che ha un grande valore ed ha bisogno di alte professionalità e di tempo da dedicare ai vari casi. I servizi svolti vengono messi in atto in collaborazione con le forze dell’ordine presenti sul territorio ed servizi sociali”.

I dati, relativi all’attività svolta nel 2016, sono eloquenti. Eccoli in sintesi che rendono conto di un’attività complessiva che ha visto il Nucleo impegnato nella trattazione di 390 casi.
– 45 informative di reato;
– 26 segnalazioni alla Procura dei Minori;
– 72 deleghe ricevute dalla Autorità Giudiziaria;
– 40 verifiche per inadempienze degli obblighi scolastici;
– 1 sequestro di oggetto atto ad offendere e 1 sequestro penale di animale abbandonato;
– Sono stati redatti 167 verbali di persone ascoltate dagli agenti;
– circa 800 le interrogazioni a banche dati (compagnie telefoniche, Punto Fisco, InfoCasa, IcriBis) finalizzate all’esecuzione di indagini;
– 15 interventi di supporto alle indagini dell’Ufficio Infortunistica stradale per rintracciare testimoni o soggetti coinvolti in sinistri con lesioni gravi o fughe dal luogo dell’incidente;
– sono 56 le segnalazioni varie;

Inoltre grazie all’attività del NAV è stato riconosciuto un contributo alla famiglia di una donna vittima di reato, grazie all’intervento della Fondazione Emiliano Romagnola delle vittime di reato. Il Nav – Nucleo Antiviolenza della Polizia Municipale – per l’attività svolta ha ottenuto, nel 2014, il premio nazionale Anci Sicurezza Urbana, per la “Capacità professionale, delicatezza e risoluzione dimostrati nell’operazione che ha condotto alla messa in carcere (dove si trova tuttora) del persecutore di una donna vittima di stalking”. Dal 2014 ad oggi il fenomeno della violenza sulle donne, purtroppo, non è rallentato, anzi si evidenzia un incremento dei fenomeni di violenza, maltrattamento o molestie contro le donne. Dai riscontri degli ultimi 12 mesi si evidenziano anche nuove forme di disagio. Nell’ambito del disagio sociale, nel 2016, infatti, sono stati svolti 32 interventi che hanno riguardato anziani soli, in stato di abbandono o con patologie mediche gravi o disagio psichico, ma anche casi di truffe ai loro danni o di maltrattamenti.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *