19 Aprile 2016

Scontro tra immigrati. Rainieri: “Basta, non si può andare avanti così”

Da / 4 anni fa / Città / Nessun commento
Scontro tra immigrati. Rainieri: “Basta, non si può andare avanti così”

“Chi viene deve rispettare le nostre regole altrimenti se ne torni di corsa da dove è venuto”


Fabio Rainieri, vicepresidente del Consiglio Regionale dell’Emilia Romagna, interviene in seguito agli scontri avvenuti in Piazzale della Pace nel pomeriggio del 18 aprile:

“Stavo rientrando dopo avere partecipato a un incontro in Comune quando, giunto nei pressi della Pilotta, in piazzale della Pace mi sono imbattuto in uno scontro tra immigrati, quelli che il Prefetto e il Sindaco indicano come risorse per il nostro futuro. Immigrati che brutalmente si aggredivano davanti agli occhi esterrefatti di turisti, famiglie e commercianti. Ancora una volta siamo davanti alla triste realtà che Prefetto, sindaco e buonisti non vogliono vedere. Quelli che secondo alcuni sarebbero una risorsa, in realtà si dimostrano tutt’altra cosa, e tutte le volte che noi lo denunciamo veniamo tacciati di razzismo. Ma adesso basta, così non è più possibile andare avanti. Quanto accaduto nel pomeriggio non deve ripetersi mai più. Ma soprattutto ora basta raccontare le cose per quello che non sono. I cittadini terrorizzati da quello che accadeva e i commercianti ormai senza parole, costretti a scontrarsi quotidianamente con episodi di questo genere, non ne possono più. E quel che è peggio è che le istituzioni locali e la Prefettura non si schierano mai dalla loro parte preferendo sempre aprire le porte a tutto e tutti. Così, grazie a quelli che il Prefetto e che capitan Pizza indicano come ‘risorse per il futuro’ agenti della polizia municipale sono dovuti intervenire per riportare la situazione alla normalità. Basta, basta, basta, Parma non è una città da colonizzare. Chi viene deve rispettare le nostre regole altrimenti se ne torni di corsa da dove è venuto. È già che ci siamo smettiamola di pagare vitto, alloggio e quant’altro a chi, tutto è, tranne che una risorsa”.

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *