30 Giugno 2017

Scarpa: “Pizzarotti nel centrosinistra? Non rappresenta gli ideali”

Scarpa: “Pizzarotti nel centrosinistra? Non rappresenta gli ideali”

“Ha proseguito la politica di Ubaldi e Vignali. Mi hanno contestato di aver posto la sicurezza come priorità, ma lo hanno fatto dalle loro case del centro e di via Solferino…”


“Di quella sconfitta mi assumo la piena paternità”. Così inizia il post su Facebook di Paolo Scarpa nel quale, dopo cinque giorni dal ballottaggio torna a commentare la sconfitta subita da Federico Pizzarotti. “C’è una parte del Pd, esterna alla città, che ha cullato per anni Pizzarotti come suo candidato naturale (in quanto ritenuto vincente) e le dichiarazioni post voto ne sono state la plastica dimostrazione. Perché Pizzarotti non poteva essere il candidato di un centrosinistra che abbia ancora a cuore i propri ideali? Semplicemente perché non li rappresenta, rappresenta altro”.

“Ha semplicemente proseguito la stessa politica che fu di Ubaldi prima e di Vignali poi. Lo ha fatto legittimamente, per carità, ma risulta grottesco che un centrosinistra che abbia mantenuto un briciolo di lucidità, lo possa vedere come riferimento. Se facciamo l’elenco delle politiche di questi ultimi anni, troviamo la progressiva dismissione di tutto ciò che è pubblico, dalla esternalizzazione sistematica dei servizi educativi, alla pagina triste della riduzione degli educatori per i disabili, alla messa alle corde del sistema della cooperazione sociale, oggi in difficoltà come non mai ed esposta ad appalti punitivi sui servizi sociali, al caso eclatante della Tep, azienda pubblica mandata allo sbaraglio in una gara che poteva e doveva essere evitata, alla vendita della quasi totalità delle azioni Iren, erede di ciò che fu una tradizione di aziende pubbliche, sino alla vendita delle quote delle Fiere di Parma. Lasciamo stare Spip, che è stata lasciata al fallimento, in una condizione di oggettiva difficoltà per le ladronerie che vi furono commesse, ma un tentativo per salvarla era possibile. Persino alcuni tra gli eventi culturali più significativi di questi anni (penso alle mostre di Botero, alla mostra Mater al Palazzo del Governatore, agli spettacoli di intrattenimento in Piazza Duomo), omettendo il giudizio sulla loro qualità, sono di fatto stati affidati al privato, rinunciando a quel ruolo di promozione di una cultura alta, che Parma ebbe anche in un recente passato”.

“Mi hanno contestato di aver posto la sicurezza come priorità, considerandolo un tema “di destra”. Lo hanno fatto dalle case carine del centro o di Via Solferino, ma invito ad andare a parlare, come ho fatto io, con la gente di San Leonardo o di Oltretorrente, ascoltando la paura e la rabbia per un esproprio dello spazio pubblico da parte delle mafie che si sono lottizzate pezzi di città. E io rivendico che quello della legalità e della sicurezza è un tema di diritti. DIRITTI. Una città come Parma non può permettere che lo spaccio avvenga alla luce del sole nella totale impunità e nell’assenza di un’azione da parte della amministrazione che la governa”.

“Finisco, tornando a Mario Tommasini e alla sua grandezza, nonostante ciò che ho scritto sui suoi errori politici. Amo la Fattoria di Vigheffio. La amo perché è il simbolo di quella Parma che sapeva essere all’avanguardia delle politiche sociali. Oggi la fattoria rimane un luogo magico, ma, a differenza di prima, ha due ingressi separati. Uno per i “matti” e chi li accudisce e uno per chi si reca al bar (bellissimo). La Fattoria, voluta da Mario, nacque per integrare i cosiddetti matti con i cosiddetti normali, per vincere una barriera culturale. I due ingressi certificano che quelle barriere culturali sono state ripristinate. Per comodità di gestione, forse, per gli appalti separati dei servizi, non lo so, e non entro nel merito. Ma mi fa tristezza. Mi sembra una involuzione che rappresenta la Parma di oggi, divisa nei suoi individualismi e nei suoi interessi e incapace di riprendere in mano se stessa”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *