25 Febbraio 2017

Scarpa: “Dopo 5 anni è ora di restituire alla città il Ponte Nord”

Scarpa: “Dopo 5 anni è ora di restituire alla città il Ponte Nord”

Verso le primarie. “Purtroppo è costato tanto. Si deve lavorare per un recupero della struttura. Diventi un luogo vivo per giovani e associazioni”


Pizzarotti aveva promesso “importanti novità”, dopo l’incontro undici mesi fa con il sottosegretario Bubbico e allora dichiarò: “ne approfitto per un aggiornamento: stiamo lavorando per risolvere anche questo ennesimo disastro. E sono convinto che ci riusciremo”. Poi più nulla, dopo l’inaugurazione del novembre 2012. Solo un’imbarazzante cena di gala, per fare la quale l’amministrazione ha concesso l’utilizzo.

E forse anche per questo il candidato alle primarie Scarpa ha voluto organizzare un tour preso il Ponte Nord con i cittadini. “Eravamo davvero in tanti oggi pomeriggio al Ponte Nord. Tanti cittadini desiderosi di dare un futuro a un’opera che fino ad oggi ha rappresentato soltanto un monumento allo spreco e una pessima immagine per la nostra città. Cosa possiamo fare per rendere fruibile i 4.000 metri quadrati coperti di una struttura che è costata allo Stato ben 18 milioni di euro mentre altri 4 sono stati pagati dal Comune per il suo completamento? Da candidato sindaco alle primarie cittadine del 5 marzo, mi impegno a fare quello che l’Amministrazione Pizzarotti non ha fatto negli ultimi 5 anni: restituire alla città il Ponte Nord. La legge Galasso vieta che la struttura possa essere destinata a funzioni permanenti, ma consente che possa ospitare attività temporanee”, ha detto Paolo Scarpa.

“La cena esclusiva di qualche mese fa, autorizzata dal Comune, lo dimostra. Per trasformare un contenitore vuoto e inutile in uno spazio a disposizione della cittadinanza bisogna che il Comune rediga un regolamento di utilizzo, qualcosa di simile a quanto già esiste per le sale civiche di cui la città da anni usufruisce, e lavorare a un ricco calendario di eventi e iniziative. Il Comune di Parma non ha fatto nulla di tutto questo, aggiungendo spreco allo spreco.

Il Ponte Nord appartiene a Parma e può essere un luogo d’incontro per le attività dei giovani, per le nostre associazioni per quanti hanno voglia di fare qualcosa per la città. Per ciò che riguarda le attività permanenti, bisogna lavorare assieme ai nostri parlamentari che già in passato si sono spesi per un possibile recupero della struttura. Abbiamo bisogno che la Presidenza del Consiglio dei Ministri prenda a cuore il caso e provveda a derogare alla legge Galasso. Dopo di che, il Ponte Nord potrà diventare stabilmente un orgoglio per la città”. 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *