2 Febbraio 2016

VIDEO. Savani e Nuzzo gruppo all’opposizione


E sono due, nell’arco di due settimane. Pizzarotti: “Sarebbe stato carino se Savani avesse dato una motivazione su questa sua decisione”. Savani: “Pago e continuo a pagare la mia coerenza al programma”


A comunicarlo è Nuzzo. Savani, nella mattina del 2 febbraio, ha dato comunicazione a sindaco e Vagnozzi della sua uscita dal gruppo di maggioranza. «Ora, comunico l’intenzione mia e di Savani di costituire un nuovo gruppo consiliare: Movimento 5 stelle Parma» spiega Nuzzo.

Niente cambio di posto, per il momento, di Savani, ancora al di là dell’aula. «Tranquillo consigliere Nuzzo – si affretta a dire Vagnozzi –, chiamerò i tecnici per provvedere allo spostamento del consigliere Savani e lo farò domani stesso».

E anche Pizzarotti prende la parola, con tono ironico e quasi di sfida: «Sarebbe stato carino se Savani avesse dato una motivazione su questa sua decisione. È un peccato ed è l’immagine peggiore della politica. Avremo avuto modo di capire, oltre alle sue frasi sibilline e che alla fine non dicono mai niente. Spiace che sia lasciata la parola solo a Nuzzo». Ma il sindaco ricorda anche il regolamento nazionale pentastellato che vieta l’uso del logo in assenza della lettera firmata da Grillo: «Ma sono sicuro che i consiglieri Nuzzo e Savani porteranno subito la lettera, per potersi chiamare come loro ritengono».

E Savani replica: «Non ho mandato nessuno avanti a parlare, semplicemente non ho ritenuto necessario fare questa comunicazione e annoiare i consiglieri. Pago e continuo a pagare la mia coerenza al programma che è anche coerenza ai miei valori. Sindaco, penso che lei raggiunga sempre il massimo nel non rispetto degli altri, le chiedo solo non nominare il mio nome a sproposito per discorsi di aria fritta».

Questo il commento del Pd. “Una diatriba tutta interna al Movimento cinque stelle che ci interessa relativamente, la nostra unica paura è che queste problematiche non vengano fatte pagare ai parmigiani”. Con queste parole, il segretario del Partito democratico Gianpaolo Serpagli e il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto, commentano la decisione, comunicata oggi in consiglio comunale, del consigliere Fabrizio Savani di uscire dalla maggioranza e fondare un gruppo con l’altro epurato Mauro Nuzzo, chiamato “Movimento 5 stelle Parma”.

Il problema, secondo gli esponenti Pd, è l’incapacità del sindaco Pizzarotti di mettere in pratica il programma elettorale. “La scelta di Savani – spiegano Serpagli e Lavagetto – sottolinea, ancora una volta, il tradimento del programma portato avanti dal primo cittadino e della sua squadra che non è stata capace di mettere in pratica quanto promesso agli elettori nella campagna elettorale del 2012 e non vuole ascoltare chi la pensa diversamente da loro”. Questa situazione ha creato una spaccatura interna che rischia di creare problemi alla città. “I tanti annunci fatti in campagna elettorale mai realizzati – spiegano – hanno portato chi si richiama a quel programma a decidere di prendere altre strade. Il nostro interesse è che questi scontri interni tutti politici non creino ulteriori difficoltà ai parmigiani”.

Questa fuoriuscita, inoltre, crea una situazione singolare con due gruppi in consiglio comunale a Parma che portano il nome del Movimento cinque stelle. “E’ una condizione mai vista – spiegano – che crea dei problemi a tutti i livelli. Siamo arrivati al paradosso che non sappiamo più chi siano i veri grillini e di doverci chiedere con chi dobbiamo concretamente interagire a livello politico”.

Da / 4 anni fa / Città /