2 Maggio 2017

A.S. 2017/18, 1.566 studenti in più nelle scuole di Parma

A.S. 2017/18, 1.566 studenti in più nelle scuole di Parma

Secondo i numeri previsti da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola saranno 549.152 gli alunni delle scuole dell’Emilia Romagna nel prossimo anno scolastico. La preoccupazione dei Sindacati è per la possibile carenza di personale docente e ATA


Come riportato nella tabella sottostante pubblicata da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola il numero degli alunni delle scuole dell’Emilia Romagna subirà un aumento. Se nell’anno scolastico 2016/2017 gli alunni, dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di Secondo Grado erano 536.348, gli alunni previsti per l’anno 2017/2018 in Emilia Romagna sono 549.152. Numero che fa registrare un aumento di 12.504 presenze. Scendendo nel dettaglio della nostra città, Parma, gli alunni nell’anno corrente 2016/2017, sono 52.180, mentre il prossimo anno scolastico vedrà un aumento di 1.566 presenze. Saranno infatti, secondo le previsioni 53.476, gli alunni che affolleranno le scuole di Parma e provincia.

tabelle organici scuola

A fronte di questo aumento, i Sindacati preoccupano una scarsità di personale e spazi, come affermato nel comunicato stampa che pubblichiamo in parte, di seguito.

“L’aumento si concentra prevalentemente nelle scuole superiori. Tenuto conto della complessità di tale ordine di scuola legato alle varie tipologie (professionale, tecnico, licei) e alle molteplici e differenti classi di concorso, tale incremento necessita di un consistente aumento di classi e quindi di personale scolastico. Servirebbero perciò oltre 300 classi in più e circa 3000 docenti in più, rispetto all’anno in corso. Vale la pena sottolineare che in Emilia Romagna il rapporto medio alunni/classi relativo allo scorso anno scolastico è del 22,2%, superando di oltre 1% quello della media nazionale (che è pari al 21,12%)”. Inoltre, continua la nota congiunta “In questo contesto, si rischia di peggiorare il tasso di abbandono scolastico che ha raggiunto in Emilia Romagna il 13,3% (dati 2015 pubblicati dalla Regione Emilia Romagna) contro il 10% previsto dalla Strategia Europa 2020”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *