6 Luglio 2019

Scuole Newton e Frank: “Ritardi e nessun sostegno a famiglie”

Scuole Newton e Frank: “Ritardi e nessun sostegno a famiglie”

“Promesse pubbliche disattese e slogan elettorali. Tutte le spese inutili del Comune, che però dice di non avere i soldi per il trasporto degli alunni nelle scuole”


“Partiamo da principio, perché il caso dice molto sulle modalità operative di questa amministrazione. 26 maggio 2016 posa della prima pietra dei lavori di ristrutturazione della scuola. Alla presenza di Sindaco e stato maggiore la Giunta , nel pieno della imprudenza pre elettorale, proclama che “Nel 2017 si completerà l’opera (…) spesa totale di 4 milioni e mezzo il tutto senza interruzioni dell’attività didattica e con la massima attenzione a garantire il miglior funzionamento possibile dell’edificio. Da questo punto di vista sono arrivate garanzie anche dal responsabile della sicurezza e dai progettisti. L’Anna Frank avrà dunque a disposizione un nuovo edificio in piena funzionalità per mensa e palestra, entro la primavera del 2017”. 

Un classico della amministrazione Pizzarotti che non si fa mancare l’annuncio sparato e poi disatteso. Nel luglio 2019 i lavori non sono ancora finiti: con due anni di ritardo, si è proceduto alla demolizione del vecchio edificio e con lo sfratto del Teatro del Cerchio, ad oggi ancora senza fissa dimora (con il carico che questo comporta in vista dei progetti previsti per Parma 2020 di cui il cerchio è parte).
Durante la demolizione è stato scoperto amianto nelle pareti del corpo principale della scuola. Un imprevisto che impone tre anni di lavori in più e lo spostamento delle classi, con buona pace per l’impegno preso nel 2016 di finire nel 2017 e senza interruzione della didattica. Come detto il Comune, per risolvere la situazione, ricorrerà quindi alla Pascoli di via Saffi ancora di STU Autorithy, ossia del Comune. Un altro edificio con una storia particolare alle spalle, il cui ultimo atto (avrebbe dovuto essere venduto anni fa alla ditta Co.ge come pagamento di parte dei lavori della Scuola per l’Europa per un valore pari a 7 milioni di euro) ha visto il Tribunale di Bologna condannare Stu Autorithy (quindi il Comune) al pagamento di circa tre milioni per danni alla Co.ge e ha reso inefficace l’accordo per la vendita, facendo perdere così al Comune i sette milioni pur mantenendo la proprietà dell’edificio. La Pascoli è quindi ancora lì “grazie” una costosa disfatta giudiziaria venuta nella vicenda della scuola per l’Europa (e il Comune ha rinunciato all’appello?) . Ad ogni modo, questo gioco di casualità e ritardi offre fortunatamente un appiglio per trovare una casa alla Anna Frank che, pur con tutti i disagi di una nuova collocazione piuttosto distante dalla sede, eviterebbe lo smembramento in sei diversi plessi scolastici.
E’ però evidente che tale soluzione, non dipende dalla capacità programmatoria del Comune che alla Anna Frank ha regalato promesse ma evidentemente sbagliato la diagnosi: è lecito peraltro chiedersi come dopo tre anni di interventi nessuno abbia ravvisato il problema amianto anche dopo che nel 2014 era stato rimosso il tetto proprio per la presenza di questo materiale. A questo si è aggiunta la sorpresa dei trasporti cui i genitori della Anna Frank e anche della Newton sarebbero chiamati a pagare 37 euro al mese, dopo che l’anno scorso la Giunta ne aveva promesso pubblicamente la gratuità Ricapitolando quindi nell’operazione c’è  il “costo” della Pascoli (e, poi, dovrà essere ripristinata dopo tanto tempo che è chiusa?) quello dei lavori alla Anna Frank (4.5 milioni di euro in tre anni di lavoro cui andranno aggiunti 3 anni e ulteriori costi), il disagio delle famiglie che adesso dovranno portare i figli, a pagamento, in tutt’altra parte della Città, il Teatro inserito nel dossier parma 2020 e sfrattato, la sentenza Co.ge tenuta nel silenzio, la circostanza di due scuole traslocate contemporaneamente per lavori.
A proposito dei costi del trasporto ci sovviene che il Comune ha speso circa 160.000 Euro per la due giorni della anteprima Parma 2020 un clamoroso fiasco senza pubblico, 100.000 Euro per nuovi concerti in cittadella a settembre, 100.000 Euro di alert system mai utilizzato, 100.000 Euro circa per un nuovo capo comunicazione, 200.000 per Cibus off – giardini gourmet (due eventi ben poco frequentati) + cena dei mille (che costa 97 euro a persona in prevendita) e ha comunque 7 milioni di avanzo libero a consuntivo. Ma i soldi per i bambini, ai cui genitori era stato promesso pubblicamente il trasporto gratuito, non si trovano (4 giugno 2018 “Per tutti gli alunni sarà garantito il trasporto gratuito a carico del Comune”). Imprevisti, ritardi o cose fatte male a parte, se almeno risparmiasse sulle cose inutili forse riuscirebbe a mantenere le promesse”.
 

Lorenzo Lavagetto (Partito Democratico), Pierpaolo Eramo (Parma Protagonista), Fabrizio Pezzuto (Parma Unita – Centristi)

 

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *