25 Gennaio 2016

Pm10 sempre peggio: domenica si è toccato quota 90

Pm10 sempre peggio: domenica si è toccato quota 90

Cinque giorni consecutivi di sforamenti e la situazione destinata a peggiorare. Non dovrebbe piovere almeno fino al 3 febbraio. A breve il blocco del traffico?


Mercoledì 20 i valori delle polveri sottili (Pm10) erano a 61, mentre e giovedì a 69. Poi l’impennata che non accenna a fermarsi: 80, 81, fino ai 90 di domenica. E le previsioni non indicano pioggia almeno fino al 3 febbraio. Se la situazione continuerà così, scatterà il blocco automatico della autovetture in città.

Da tempo i Verdi hanno emesso un decalogo, che riproponiamo, “nell’attesa di azioni concrete da parte del Sindaco e dell’Arpa”, per aiutare i cittadini a contenere gli effetti negativi delle polveri sottili:

– evitare di rimanere a lungo all’aperto nelle giornate inquinate (per informazioni controllare i bollettini meteo PM10 dell’ARPA Emilia Romagna)
– ricambiare l’aria nelle stanze solo nelle prime ore della giornata, in quanto la concentrazione del PM10 è più bassa
– chiudere con un sigillante gli spifferi: dei cassonetti delle finestre, spazi muro-corsie tapparelle e spazi muro-telaio finestra
– spostarsi in città a piedi e in bicicletta scegliere i percorsi a minor traffico
– evitare esercizi e sforzi fisici nelle zone urbane, dove maggiore è la concentrazione dei PM10
– utilizzare il meno possibile il motorino e l’automobile, oltre ad aumentare l’inquinamento non è dimostrato che all’interno della macchina si sia protetti dalle polveri
– in commercio non esistono al momento filtri per l’abitacolo per automobili efficaci contro le polveri sottili
– le normali mascherine non proteggono dalle polveri sottili
– quando le concentrazioni di PM10 sono elevate, come in questi giorni, utilizzare maschere del tipo Filtro Facciale Protezione 3 (FFP3 questa sigla è stampigliata sulla mascherina), che proteggono da polveri tossiche, sono dotate di valvola che favorisce l’espirazione e aderiscono con facilità alla forma del viso.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *