6 Maggio 2015

Più investimenti nella riqualificazione energetica

Più investimenti nella riqualificazione energetica

Un convegno alla Casa della Musica per discutere le possibilità di ridurre l’inquinamento attraverso il risparmio energetico e il ricorso a fonti rinnovabili


Il tema inquinamento è sempre molto sensibile all’attenzione dei cittadini, ma anche a quella delle istituzioni. Oggi, più che mai, sembra che un ricorso a fonti rinnovabili, unitamente al risparmio energetico e, ovviamente, a una minore emissione di sostanze inquinanti nell’atmosfera, possano restituire all’ambiente parte della sua dignità.

Sono stati questi i temi su cui si è basato il convegno “Nuova Energia per vivere la città del futuro”, promosso dall’assessorato all’energia, guidato da Michele Alinvi e tenutosi, il 6 maggio presso la Casa della Musica. Alla giornata ha preso parte anche Adrien Bullier, project advisor, Easme, Commissione Europea, in diretta streaming da Bruxelles. Bullier ha parlato delle possibilità oggi percorribili su questa strada, grazie anche a progetti europei, fondi strutturali, Banca Europea degli Investimenti e fondi rotativi.
Con il convengo è iniziato un percorso volto alla creazione, anche a livello locale, di questo tipo di fondi utili avviare una riqualificazione dell’esistente proprio in ambito energetico, rendendo gli edifici efficienti e a norma secondo le disposizioni europee. «Per fare questo – ha detto l’assessore Michele Alinovi – è necessario fare sistema a vari livelli sul territorio coinvolgendo Unione parmense degli industriali, realtà bancarie e produttive, oltre che fare sistema con gli altri enti e livello europeo e territoriale come la Regione».
Bisogna quindi attivare quei sistemi finanziari che permettono di dare piena realizzazione alle linee contenute nel Paes – Piano di Azione Energia Sostenibile, adottato dal Comune e che discende dalla sottoscrizione del Patto dei sindaci a livello europeo per la riduzione del 20 % degli inquinanti , l’incremento del 20 % dell’uso delle energie rinnovabili ed il 20 % di risparmio energetico entro il 2020.

Dunque più attenzione all’ambiente e alle opportunità di salvaguardia che oggigiorno di certo non mancano. Imparare a rispettare ciò che ci circonda congiuntamente alla nostra vita, può essere fondamentale per le vite di domani.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *