25 Gennaio 2019

Pista ciclabile nell’alveo della Parma? Per gli ambientalisti è no

Da / 7 mesi fa / Città / Nessun commento
Pista ciclabile nell’alveo della Parma? Per gli ambientalisti è no

Presentato lo studio di fattibilità, ma il progetto rischia di essere “impattante e troppo costoso”


Come riportato da Repubblica, l’Amministrazione ha inserito nel bilancio di previsione 2019-20 la costruzione di una pista ciclabile di circa due chilometri nell’alveo della Parma. L’area sarà sponda sud del corso d’acqua, nel tratto compreso tra ponte Italia e ponte delle nazioni.

I progettisti assicurano che si tratterà di strutture leggere e poco impattanti e non ci sarà necessità di utilizzare il cemento. La circolazione sarà consentita solo in primavera/estate e nelle ore diurne, per cui non è previsto un sistema di illuminazione. Inserito, invece, nel progetto un sistema di allarme acustico per le minacce di piena.

Le associazioni ambientaliste non nascondono i loro dubbi e affermano che: “la ricchezza della natura della Parma è frutto del fatto che il tratto non è mai stato fruibile dalla massa”.

Inoltre, il presidente di Legambiente Bruno Marchio si sofferma sui costi relativi alla manutenzione, dato che la pista con le piogge è destinata a essere allagata almeno un paio di volte all’anno nel periodo ottobre-aprile, secondo le stime dello studio di fattibilità.

Secondo l’architetto Francesco Mezzatesta: “La natura va lasciata alla natura e il torrente Parma è un patrimonio di biodiversità”

Insomma, il progetto non lascia indietro perplessità e preoccupazioni, e la sua realizzazione non è affatto certa. È comunque prevista per il futuro un’assemblea informativa per i cittadini.

 

Per saperne di più, qui l’articolo completo di Repubblica:

https://parma.repubblica.it/cronaca/2019/01/23/news/pista_ciclabile_nell_alveo_della_parma_la_sfida_e_aperta-217240013/

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *