30 Gennaio 2019

Pinocchio all’Opera sul podio del bando del Ministero dei Beni Culturali

Pinocchio all’Opera sul podio del bando del Ministero dei Beni Culturali

Il progetto di Sinapsi Group si piazza al secondo posto in Italia ottenendo un finanziamento di 10mila euro


Parma capitale della cultura. Alla città ducale va un importante riconoscimento assegnata dal Ministero dei Beni Culturali. “Pinocchio all’Opera”, progetto di valorizzazione del teatro d’opera destinato ai bambini e ideato e promosso da Sinapsi Group, si è aggiudicato il secondo posto, dietro al Festival “Un’isola in rete” del Comune di Castelsardo e davanti al progetto curato dal Museo di Etnomedicina di Genova.

Il finanziamento (10mila euro assegnati a “Pinocchio all’Opera”) si propone di sostenere progetti a carattere innovativo, pluridisciplinari, che incoraggino la condivisione e la valorizzazione del patrimonio culturale d’Europa, che sensibilizzino alla storia e ai valori comuni e che rafforzino il senso di appartenenza a uno spazio comune europeo.

I cardini del progetto sono la partecipazione, che si esplica nella condivisione del patrimonio culturale, la sostenibilità, garantita da iniziative che alimentano le buone pratiche del riciclo e del riuso, la protezione, garantita dalla salvaguardia delle ricchezze locali, e l’innovazione, che si manifesta attraverso attività in grado di sdoganare il pregiudizio che vuole la musica classica appannaggio di pochi eletti.

Protagonisti delle attività che, raccontano la magia dell’Opera a grandi e piccini, sono le sculture nate dallo scalpello di Mauro Lampo, noto artista delle Dolomiti. Pinocchietti raffiguranti i musicisti dell’orchestra, ma anche le maestranze che operano dietro alle quinte e i grandi personaggi che hanno fatto la storia della musica italiana: Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini, Niccolò Paganini e Luciano Pavarotti.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *