16 marzo 2018

PILLOLE DI SOSTENIBILITÀ. Lunga vita ai cellulari

PILLOLE DI SOSTENIBILITÀ. Lunga vita ai cellulari

Applicare anche ai telefonini le famose 3R: ridurre, riutilizzare, riciclare


Alla base delle buone pratiche per vivere sostenibile vi sono le famose 3R (ridurre, riutilizzare, riciclare). Nel caso dei cellulari, ridurre e riutilizzare sono sinonimi di riparare invece dell’acquisto di nuovi modelli, mentre il riciclo riguarda lo smaltimento tramite appositi canali (isole ecologiche, raggruppamenti R4 dei centri RAEE e rivenditori di telefoni).

Dalla fusione di queste azioni nascono i cellulari rigenerati.

Cosa sono i cellulari rigenerati o ricondizionati?

Sono cellulari che vengono riportati in condizioni pari al nuovo tramite un meticoloso processo di lavorazione e verifica delle caratteristiche tecniche, estetiche, informatiche e funzionali.

Quanto costano e dove si possono acquistare?

Il prezzo medio risulta di circa il 15- 30% in meno rispetto ai nuovi dello stesso modello. Si possono acquistare molto facilmente online su piattaforme come ebay, Amazon o BlackMarket (startup francese che vende solo prodotti ricondizionati), facendo comunque attenzione al periodo di garanzia proposto.

Perché risulta più sostenibile scegliere un cellulare ricondizionato?

All’interno di un cellulare trovi una vera e propria miniera di materiali preziosi (rame, ferro, oro, argento e terre rare) estratti principalmente in Sud America e Africa. Questo implica forti impatti a livello ambientale e anche sfruttamento di manodopera a basso costo.

Il tasso di riciclo di un cellulare si attesta ad oltre il 96%, quindi la maggior parte dei materiali che lo compongono possono essere recuperati, comportando vantaggi economici, ambientali e sociali.

In Italia, ogni anno, vengono prodotti in media circa 16kg/abitante di RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e solo una piccolissima parte (circa 4kg/ab) viene conferita nei centri di raccolta adeguati. Per questo motivo incentivare un’economia circolare in questo senso è fondamentale per un cambio di rotta.

Rubrica a cura di Legambiente Parma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *