19 Dicembre 2018

L’Oltretorrente in 5000 scatti on the road

Atmosfere, angoli perduti, volti conosciuti e volti da ricordare, il fascino delle osterie e delle botteghe di quartiere, i cambiamenti sociali e culturali, scene di vita immortalate in un istante, attimi catturati dall’occhio del fotografo in un set sempre in movimento. Un anno e mezzo di scatti, quasi cinquemila,  nasce così il libro fotografico di Antonio Mascolo dedicato all’Oltretorrente di Parma. Oltre 300 pagine che raccontano la vita quotidiana del quartiere per immagini. Un lavoro costante on the road , tra il 2017 ed il 2018: “ho consumato un poco di suole a camminare in questo magico labirinto”, scrive l’autore. Ma il risultato è un grande omaggio a tutta la città. Il viaggio di Mascolo “OltrelaParma” aiuta infatti a riscoprire la straordinaria vivacità di un quartiere sospeso tra la storia, il passato da non dimenticare, ed il presente, il cambiamento: “è un fazzoletto questa parte di città, 1,1 chilometri quadrati, circa ottomilacinquecento abitanti , dove uno su quattro è straniero”. Il libro presentato in anteprima nella sede dell’editore, la Nuova Editrice Berti (guarda la gallery), ha anche uno spirito solidale: parte del ricavato andrà infatti alla mensa di Padre Lino dell’Annunziata.
Antonio Mascolo è giornalista, dopo oltre 15 anni alla Gazzetta di Parma e vent’anni da direttore della Gazzetta di Modena, è stato fondatore nel 2008 del sito ParmaRepubblica.it che ha lasciato nel 2017. “Per me che ho iniziato come giornalista per la carta stampata – ha affermato ieri durante la presentazione- e ho finito lavorando sul web, questo libro rappresenta un po’ anche un riscatto”.
Il volume, oltre le immagini, ospita i contributi di scrittori e giornalisti parmigiani: Guido Conti, Davide Barilli, Valerio Varesi, Roberto Camurri, Gabriele Balestrazzi, Gianluca Zurlini, l’archivista Roberto Spocci, gli storici William Gambetta e Margherita Becchetti del Centro studi movimenti.