27 Novembre 2015

PGE. Greci, MNC: “Invitiamo Ferretti a dimettersi!”

PGE. Greci, MNC: “Invitiamo Ferretti a dimettersi!”

Il Presidente di Movimento Nuovi Consumatori ribadisce che il Ministero ha precisato che solo le Società Iscritte all’Albo Ministeriale possono riscuotere tributi. Dunque l’Agenzia parmigiana, fino al 6 novembre, non poteva riscuotere


Filippo Greci, Presidente MNC scrive a Emanuele Barone Ricciardelli, Dirigente MEF:

Se la Società non è iscritta all’Albo dei Riscossori non può neppure riscuotere neppure un Tributo, oltre alla contravvenzione stradale? Mi scusi se lo chiedo, ma è per esemplificare al massimo la materia, che è difficile, perchè vi è chi sostiene che anche senza l’ISCRIZIONE ALL’ALBO una società può riscuotere comunque…Non è vero quindi? Mi può dare una conferma?

Questa la risposta di Ricciardelli:

Buona sera
Certamente solo se si è iscritti si possono riscuotere tributi ed altre entrate locali

E dunque, Greci scrive:

“In merito  a quanto dichiarato dall’assessore Ferretti, durante l’intervista rilasciata ai media locali il 12.11.2015 nella quale il medesimo asseriva che “Parma Gestione Entrate S.p.A. è ufficialmente iscritta all’Albo dei Soggetti abilitati ad effettuare attività di liquidazione e accertamento dei tributi, poiche’ è stata “promossa” dal Ministero Economia e Finanze: è ed è sempre stata legittimata a riscuotere”, siamo ad allegare corrispondenza tra lo scrivente ed un Dirigente del Ministero dell’Economia e Finanze.

Nella corrispondenza quale viene ribadito il concetto che solo le Societa’ Iscritte all’Albo Ministeriale possono riscuotere tributi ed altre entrate locali.

Cio’ smentisce chiaramente e clamorosamente quanto divulgato in conferenza dall’Ass.Ferretti circa il fatto che PGE fosse stata sempre pienamente legittimata a riscuotere anche senza essere iscritti e sopratutto che il Ministero avesse sostenuto questa tesi : nella realta’, PGE almeno fino al 6 novembre 2015 non poteva riscuotere nessun tributo, nemmeno quello per la Cosap e quindi neppure le contravvenzioni al codice della strada.

Il Comune di Parma sta spendendo inutilmente i soldi dei cittadini per difendersi in cause gia’ perse e proporre appelli avverso sentenze che sono inoppugnabili: per questo motivo abbiamo gia’ inviato i carteggi alla Corte dei Conti per la valutazione del danno erariale.

Invitiamo, nuovamente, l’Ass.Ferretti a dimettersi e con lui tutto il cda di Parma Gestione Entrate, giacche’ e’ intollerabile che un amministratore pubblico continui a deformare la verita’ e a propinare ai propri concittadini fatti destituiti di ogni fondamento”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *