29 Settembre 2016

Pellacini: “14 casi di legionella e neanche un tweet!”

Pellacini: “14 casi di legionella e neanche un tweet!”

Il Consigliere Comunale Giuseppe Pellacini (Udc) attacca il sindaco Federico Pizzarotti: “C’è un’emergenza sanitaria e il Comune tace, nessuna informazione ai cittadini”


Quattordici casi di legionella riscontrati in un giorno solo e da Pizzarotti nemmeno un tweet. E’ particolarmente grave quanto sta accadendo, il Comune tace in un momento in cui occorre la massima attenzione per un’infezione che rischia di colpire una parte della popolazione. Non si può che ringraziare il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, i tecnici comunali e Iren che in queste ore stanno lavorando per la nostra salute. L’Amministrazione Pizzarotti invece ha toppato ancora una volta, clamorosamente interessandosi poco o molto poco al problema.

I casi di legionella circoscritti in un’area limitata indicano che il punto d’origine del focolaio potrebbe essere nella zona fra via Montebello e via Traversetolo. Sono quartieri molto popolati in cui vi sono grandi scuole e diversi asili privati. Possibile che il Comune non abbia fatto scattare un apparato d’emergenza interno e abbia invece solo rilanciato la notizia dell’Azienda Ospedaliero-Sanitaria?

Sarò più chiaro, mi sarei aspettato che il Sindaco o chi per esso convocasse una riunione d’emergenza e desse immediata comunicazione alla stampa di quanto si va a fare. Il Sindaco è per suo mandato il primo responsabile della Salute pubblica e per questo ha precisi poteri. Al momento, invece, la popolazione non sa nemmeno se si sta cercando il focolaio o cosa stia realmente accadendo, se non fosse per gli interventi del Servizio di Igiene e salute Pubblica.

Quando vuole Pizzarotti risponde ai suoi amici su facebook, twitta sulle liti di partito ma mai una volta che intervenga sulle questioni vere e importanti della città. Si vede che negli Emirati Arabi, dove si trova in missione, non c’è campo.

Verrà distribuita anche in questi giorni l’acqua in brocca nelle scuole e negli asili? Scelta che ho comunque già criticato a suo tempo come hanno fatto molti genitori. Non è il caso di tornare definitivamente all’acqua in bottiglia? Visto che l’esperimento rischia di rivelarsi pericoloso in un momento particolarmente delicato, lascerete le brocche solo per non fare una brutta figura? Mettendo in questo caso a rischio la salute di bambini e ragazzi.

Credo che i cittadini debbano essere tenuti costantemente informati, non solo quelli che vivono fra via Montebello e via Traversetolo, perché ne va della loro salute e dei loro figli. Se l’infezione si propagasse nel collettore dell’acqua, quanti casi avremo entro i prossimi giorni? Il Comune, inteso come Amministrazione politica e gestionale, deve rispondere senza ritardi anche se il Sindaco fosse al Polo Sud. Intanto Pizzarotti è negli Emirati Arabi, tanto la legionella là non c’è.

 

 

Ci sono 14 casi di legionella in quartiere Montebello

Hanno interessato cittadini residenti o frequentanti una zona compresa tra via Traversetolo, via Montebello e via Pastrengo. Sono in corso gli accertamenti sulle cause da parte dell’AUSL

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *