11 Aprile 2018

Pedopornografia sul computer, condannato operaio parmigiano

Pedopornografia sul computer, condannato operaio parmigiano

L’accusa sul 44enne rientra in una maxi indagine partita dalla Germania che ha coinvolto 117 persone


Un’indagine partita dalla Germania circa 10 anni fa, nel lontano 2010, ha permesso di denunciare 109 persone ed arrestarne altre 8 con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico. Tra di loro si nasconde anche un operaio di 44 anni di Parma, che è stato condannato nella giornata di martedì a 8 mesi. Sul computer dell’uomo, sequestrato nel 2011, sono stati ritrovati 41 video pedopornografici, contenuti in una cartella nella sezione “Documenti” del pc.

L’indagine, partita dalla Germania, ha riguardato un sito Internet che divulgava video di questo tipo e che in breve tempo aveva raggiunto tantissime persone. La collaborazione di polizia tedesca ed italiana ha permesso di scovare tutti i nomi di coloro che guardavano e diffondevano il materiale, fino ad arrivare agli arresti nelle province di Siracusa, Napoli, Firenze, Massa, Modena e Bolzano. Tantissimi, inoltre, sono coloro che sono stati denunciati a piedi libero, tra cui anche l’operaio parmigiano di cui abbiamo parlato.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *