10 Agosto 2016

Parma Calcio. Il presidente Nevio Scala presenta Calaiò

Da / 3 anni fa / Sport / Nessun commento
Parma Calcio. Il presidente Nevio Scala presenta Calaiò

L’attaccante: “Il contesto è da Serie A e in Serie A dobbiamo cercare di riportare questa società, che è dove gli compete”


Il presidente Nevio Scala, oggi 10 agosto, a mezzogiorno, nella sala media del Centro Sportivo di Collecchio, dopo l’allenamento mattutino della squadra, ha presentato il nuovo attaccante crociato Emanuele Calaiò, che indosserà la maglia del Parma Calcio numero 18. Il presidente nel suo intervento ha affermato:
“Sono state scritte molte cose inesatte ed esagerate riguardo al costo dell’operazione per portare Emanuele a Parma. Lui è un giocatore importante. Abbiamo fatto qualche sacrificio, ma sempre in linea con i nostri obiettivi, le nostre idee e i nostri limiti. Sono felice di questo arrivo. Emanuele avrà un compito molto difficile e importantissimo. Il suo passato e il suo curriculum lo obbligano a essere un giocatore per noi fondamentale. Emanuele ha risposto con entusiasmo. Mi ha detto che è pronto, che farà di tutto per inserirsi in questo gruppo che l’anno scorso ha fatto la storia. L’ho visto molto motivato e sereno. Sono convinto delle sue capacità. Quando una persona ti guarda negli occhi è già una grande risposta. Il gruppo lo aiuterà e lui aiuterà il gruppo a raggiungere questo risultato”.

Il nuovo attaccante crociato Emanuele Calaiò durante la presentazione, dopo le parole introduttive del presidente Nevio Scala, ha dimostrato di essersi calato nello spirito del Parma Calcio:

“E’ solo una questione di categoria. Penso che città e tifoseria siano gloriose. Il contesto è da Serie A e in Serie A dobbiamo cercare di riportare questa società, che è dove gli compete. Arrivo con entusiasmo. La categoria non mi spaventa, perchè quando potevo andare in Serie A, a suo tempo, ho deciso invece di andare a Napoli in C1. Ho sposato un progetto allora e, ora, ne sposo un altro. Ringrazio società e presidente per lo sforzo che hanno fatto. Spero di ricambiare. Darò tutto me stesso per la città e per il gruppo. Ritengo di essere diverso dai compagni di reparto che trovo qui a Parma. Non sono una punta d’area di rigore. Mi piace muovermi, fare assist e venire incontro alla palla, anche perché non ho un fisico possente. Mi fido del mio movimento e penso che, con lo spirito di sacrificio e di gruppo, non ci sarà alcun problema. Abbiamo una squadra forte e tanti attaccanti forti. La società farà di tutto per rinforzarci ancora, perché l’obiettivo è vincere. Dovremo andare in campo con uno spirito operaio, avere una mentalità da categoria. Con lo Spezia ho fatto tutta la preparazione tranne le amichevoli. Sono allenato. Ho una buona condizione. Sabato dovrei essere a disposizione per l’amichevole con l’Alessandria. Non so per quanto, lo deciderà il mister. Non ho temporeggiato per venire qui. Da subito sono stato orgoglioso della chiamata, ma dovevo sistemare le cose con lo Spezia. Il temporeggiamento è dovuto a questo motivo, non a questioni di ingaggio o di durata del contratto. Parma, il Parma Calcio e il Tardini sono storia. Qui c’è tutto per fare bene. Ora dobbiamo solo realizzare i fatti”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *