27 Agosto 2015

Pali Italia, fine della corsa. Licenziati tutti i 78 dipendenti

Pali Italia, fine della corsa. Licenziati tutti i 78 dipendenti

I curatori fallimentari hanno comunicato la scelta del comitato dei creditori


Il comitato dei creditori di Pali Italia, recentemente fallita, ha deciso il licenziamento di tutti i 78 dipendenti rimasti. A nulla sono valsi i tentativi di riprendere la produzione sotto diversa forma. Lo hanno comunicato i curatori Donatella Bertozzi e Ferdinando Sarti. Ecco il loro comunicato

————————————————————————-

La curatela del fallimento Pali Italia S.p.A. n. 86/2015, informa che il Comitato dei Creditori, nominato dal Giudice Delegato, dott. Pietro Rogato, si è riunito, in data di oggi 27 agosto 2015, alla presenza anche di quest’ultimo. Il Comitato, ai sensi della legge fallimentare, ha autorizzato i curatori ad avviare le procedure di scioglimento dei contratti di lavoro subordinato con conseguente messa in mobilità dei lavoratori, non essendovi allo stato i concreti presupposti per una fondata richiesta di cassa integrazione guadagni straordinaria, e, in ogni caso, non pregiudicandosi la possibilità per la procedura di accedere a tale strumento, nell’ipotesi, fortemente auspicata, che detti presupposti venissero a sussistere nel prosieguo. Tale inevitabile passaggio era già stato prefigurato dalla curatela anche alle rappresentanze sindacali della società, di entrambi i siti produttivi di Parma e di Anagni, nell’incontro avvenuto lo scorso 5 agosto, all’indomani della dichiarazione di fallimento del 21.07.2015, nel corso della quale è stato illustrato l’iter procedurale della gestione del fallimento.

Il Comitato dei Creditori e il Giudice Delegato sono stati altresì informati del compimento e della conclusione delle operazioni di inventariazione di tutti i beni della società fallita, e dell’ormai prossimo deposito della perizia di stima dell’azienda da parte del professionista incaricato; perizia che consentirà l’avvio delle procedure competitive prescritte dalla legge fallimentare e finalizzate a massimizzare il valore del patrimonio aziendale, nel primario interesse dell’intero ceto creditorio. Proprio l’urgenza di salvaguardare tale patrimonio ha condotto la curatela a imporsi i tempi assai ristretti in cui ha operato e sta operando nonostante il corrente mese di agosto.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *