10 Maggio 2017

Ordine dei medici di Parma: “Rammaricati e indignati”

Ordine dei medici di Parma: “Rammaricati e indignati”

“Operazione Pasimafi: l’ordine è rammaricato e collabora con le altre istituzioni per fare chiarezza”


Riceviamo e pubblichiamo di seguito un comunicato emesso dall’Omceo di Parma, nel quale l’Ordine dei medici di Parma esprime la propria posizione riguardo lo scandalo che ha coinvolto la sanità parmense.

“L’Ordine dei medici di Parma è rammaricato e indignato. La situazione che si è configurata con i provvedimenti cautelari che vedono coinvolti medici del nostro nosocomio non può che rattristare chi rappresenta la categoria nella nostra provincia.

La situazione per quanto descritta è delicata, con indubbi risvolti di gravità. E’ bene sottolineare però, a titolo di rassicurazione, che, per quanto ci è dato sapere, interessa un’esigua minoranza di medici. Ciò non toglie che, pur nel diritto della difesa fino a prova contraria, il nostro Ordine, in qualità di magistrato deontologico sta agendo in sintonia con le altre istituzioni deputate alla ricerca della verità, dalla magistratura inquirente e alle forze di polizia che indagano sul caso. L’amarezza delle notizie pervenute in questi giorni e che trovano eco in tutto il territorio nazionale non deve però oscurare la consapevolezza che in questa città sanitaria vi siano medici per bene che fanno quotidianamente il proprio dovere e assicurano una buona assistenza alla cittadinanza. Si ritiene che in questo momento serva fermezza, giustizia e un richiamo all’eticità dei comportamenti di tutti coloro che operano nella gestione della salute” afferma il Presidente dell’Omceo Parma Pierantonio Muzzetto.

Il Consiglio dei medici e odontoiatri di Parma ha il compito di garantire il massimo rispetto delle regole professionali e deontologiche da parte di chiunque sia sotto la potestà dell’Ordine, in ambito pubblico, privato o universitario. “Non vi sono zone franche. In questo momento l’Ordine è in prima linea, in attesa di essere messo al corrente da parte della magistratura di eventuali sviluppi e degli esiti. A quest’Ente interessa che la verità venga a galla e, laddove vi sia l’oggettività della colpa si procederà, in sintonia appunto con la magistratura ordinaria e autonomamente, all’applicazione di sanzioni, graduate in base alla pena comminata o anche deontologicamente più severe quando se ne ravvisi la necessità a tutela del cittadino” specifica Muzzetto.

Proprio al cittadino un ultimo pensiero, rassicurando che quanto accaduto e denunciato in queste ore costituisce un episodio grave, su cui si farà luce, ma non diffuso e che nulla ha a che vedere con una quotidianità seria, trasparente e professionale. In quest’ottica si segnala come vi sia unità di intenti con le altre istituzioni sanitarie perché a prevalere sia la chiarezza e il bene comune”.

Pres. Farmindustria: “Non siamo come loro e chiederemo i danni”

Arrivano le dichiarazioni del presidente Massimo Scaccabarozzi in merito allo scandalo della sanità scoppiato a Parma

0 comments

M5S: “Dimissioni di Borghi”. CGIL: “Tutelare dignità lavoratori”

Altre reazioni. Il sindacato chiede di tutelare lavoratori. Lega Nord: “reati gravissimi”. I parlamentari Pd: “sostegno al dg Fabi”

0 comments

Greci sulla sanità: “Il danno dello scandalo alla città è enorme”

Il candidato sindaco esprime la sua rabbia sulla bufera che si è scatenata sulla sanità a Parma: “Il prossimo sindaco dovrà costituirsi parte civile nel processo agli indagati”

0 comments

Scarpa: “A Parma serve un osservatorio sulla legalità”

Inchiesta corruzione:”Solidarietà a chi opera nel mondo della sanità, ringrazio Procura e Carabinieri”

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *