16 Luglio 2018

Nubifragio nel Parmense: si contano i danni

Nubifragio nel Parmense: si contano i danni

Le città più colpite sono Bardi e Neviano degli Arduini. Paola Gazzolo: “La Regione è vicina ai cittadini”.


“La Regione è qui. Per essere vicini ai cittadini, alle imprese, ai commercianti e agli amministratori locali”- L’assessora regionale alla Protezione Civile, Paola Gazzolo, è stata in visita a Bardi dopo la bomba d’acqua che si è abbattuta sulla cittadina parmense sabato 14 luglio, allagando le strade e trascinando via tutto ciò che incontrava.

Numerosi danni si contano anche a Neviano degli Arduini e in tutte le aree collinari e montane da Piacenza a Modena.

“Siamo già al lavoro per la ricognizione dei danni, che sarà conclusa a breve, per fare ciò che serve e dare tutto il sostegno necessario alle comunità colpite” – ha spiegato l’assessora.

Quello di sabato è stato un evento mai registrato prima in zona. Acqua, grandine e tromba d’aria con precipitazioni straordinarie. A Bardi 37,2 millimetri in 15 minuti.

Si sta procedendo, dunque, alla conta dei danni, che verrà comunicata in pochi giorni.L’assessora Gazzolo ha fatto, intanto, il punto della situazione Insieme alla sindaca di Bardi, Valentina Pontremolie alla presenza dei tecnici regionali e quelli di Montagna 2000, la società che gestisce la rete idrica, per le verifiche che dovranno interessare soprattutto la rete fognaria.

“Voglio aggiungere un grazie alla popolazione di Bardi, che già stamattina aveva ripulito tutti i locali e riaperto le attività del centro storico. Un grande segno di forza per una comunità resiliente e un tratto distintivo dei cittadini emiliano-romagnoli” – ha concluso l’assessora.

Intanto nel pomeriggio di oggi – lunedì 16 luglio – una bomba d’acqua si è abbattuta su Parma, provocando diversi danni. Risultano essere diverse le cantine allagate e gli alberi i cui rami si sono spezzati e hanno invaso la strada. Al lavoro i vigili del fuoco. Alcuni sottopassi, come quello di Marore, sono stati chiusi a causa dell’allagamento.

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *