7 febbraio 2018

Massese: 12 motivi per rallentare il transito dei mezzi

Massese: 12 motivi per rallentare il transito dei mezzi

L’esposto è stato presentato alla provincia e al Comune di Langhirano. E nella serata di giovedì si terrà un incontro a Torrechiara


Continua a tenere banco la questione della strada Massese. Dopo la tragedia dello scorso anno che costò la vita a Filippo Ricotti, studente del liceo Bertolucci, ancora nulla è stato fatto per migliorare la qualità della strada, dell’illuminazione o per obbligare gli automobilisti a rallentare la loro velocità di transito. A tal proposito, nella serata di giovedì 8 febbraio si terrà un incontro a Torrechiara organizzato dagli abitanti per discutere della sicurezza della Massese. In un esposto presentato al Comune di Langhirano e alla provincia, i residenti hanno analizzato i 12 punti per cui sulla Massese si dovrebbe rallentare il transito dei mezzi, che vi riportiamo di seguito:

1) Intersezioni molteplici e non sempre segnalate
2) Pedoni in transito in tratti senza marciapiede
3) Banchine a lato strada irregolari e alte
4) Transito di molti camion e di mezzi pesanti
5) Turisti che si fermano a fare foto e in generale non conoscono la zona
6) Presenza di ciclisti e di mezzi agricoli
7) Segnaletica orizzontale spesso mancante, segnaletica luminosa presente ma non funzionante
8) Illuminazione insufficiente in vicinanza delle fermate autobus, degli attraversamenti e delle intersezioni
9) Animali selvatici, in modo particolare caprioli che transitano verso il greto della Parma
10) Manutenzione della segnaletica non eseguita
11) Sia la provincia sia il Comune di Langhirano hanno riconosciuto la massese come una strada pericolosa. È stata riconosciuta la necessità di realizzare una rotonda all’incrocio con la strada per la Badia, ma mancano i fondi
12) Confini del paese non ben definiti e quindi impossibile delimitare i limiti della zona residenziale. Di tutto questo si parlerà domani, al centro culturale di Torrechiara, per una serata di proposte e di confronto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *