9 Agosto 2016

Maltrattamenti al nido Allende. La maestra chiede il patteggiamento

Maltrattamenti al nido Allende. La maestra chiede il patteggiamento

L’accordo con il pm è di 2 anni. Possibilità di evitare il carcere con la richiesta di affidamento ai servizi sociali


Siamo nell’asilo nido comunale Allende di Collecchio. Nel settembre dello scorso anno, la maestra d’asilo Erica Grandis, era finita agli arresti domiciliari con l’accusa dei maltrattamenti, in seguito ai risultati di un’indagini. Dalle immagini dei filmati delle telecamere piazzate dai carabinieri di Traversetolo, si evinceva lo stato in cui vertevano i bambini, maltrattati non solo verbalmente, ma anche fisicamente, subendo dall’educatrice calci, schiaffi e strattoni. Alla maestra, 56enne, erano stati dati 11 giorni e poi libertà, anche dovuta al fatto che la donna aveva presentato le dimissioni dall’asilo. Adesso dopo una lunga trattativa sulla sospensione della condizionale, arriva la richiesta di patteggiamento, 2 anni l’accordo con il pm Andrea Bianchi. A decidere a questo punto sarà il giudice. Se la condanna sarà ratificata allora scatterebbe l’arresto, sarà poi decisione del giudice se far scontare la pena in carcere o ai domiciliari. Un’altra alternativa sarebbe invece la richiesta di affidamento ai servizi sociali, ma questo solo se il Tribunale di Sorveglianza lo conceda. Altre due sono le donne indagate per maltrattamenti, sempre dipendenti della medesima struttura.

 

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *