18 Giugno 2019

L’ospedale psichiatrico di Colorno nei racconti di chi lo ha vissuto

L’ospedale psichiatrico di Colorno nei racconti di chi lo ha vissuto

Bisognava provarci. Parma e la malattia mentale: dal manicomio ai servizi territoriali è una ricerca storico-antropologica sulla città e i suoi servizi e su come nasce la Legge Basaglia


“Bisognava provarci” è la storia di Giordana, che al manicomio di Colorno ci è nata; di Mauro, che lì ha fatto l’infermiere e ora è la sua famiglia; e di Loredana, che quando seppe che l’Ospedale avrebbe chiuso, pensò: Santo Dio e adesso? Come faremo? È la storia di Giacomo, Vincenzo, Corrado, Maria: giovani psichiatri con la voglia di cambiare il mondo, poco più che ventenni, catapultati nella bocca del leone, costretti a cercare una via di fuga dall’orrore dei reparti. È la storia di Stefano, che per evitare un TSO una notte ricoverò una Moto Morini; e di Carla, che ancora oggi ricorda i sorrisi sdentati del suo Luciano…“Bisognava provarci” è la storia dell’Ospedale Psichiatrico di Colorno e della città che seppe chiuderlo. Immaginandosi una risposta diversa alla malattia mentale: mai del tutto formulata, mai del tutto compiuta. Su cui ancora oggi si interroga. Perché non c’erano (e non ci sono?) ricette pronte, armi segrete, libretti di istruzione.

“Bisognava provarci. Parma e la malattia mentale: dal manicomio ai servizi territoriali” è il titolo del volume promosso da Progetto Itaca Parma: realizzato dall’associazione in collaborazione con il Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL di Parma e con il patrocinio di numerose istituzioni del territorio, è un’appassionante ricerca storico-antropologica sul ruolo della città emiliana nel movimento che a livello nazionale ha portato alla legge 180 e alla nascita dei servizi territoriali per la salute mentale, con numerose interviste ai protagonisti e un contributo inedito di Antonio Slavich.

Il libro è disponibile presso la sede di Progetto Itaca Parma, che si trova in borgo Pipa 3/a ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12. Info: 0521 508806, www.progettoitacaparma.org o info@progettoitacaparma.org

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *