14 Settembre 2015

L’Istituto Guatelli di Collecchio diventa “più europeo”

L’Istituto Guatelli di Collecchio diventa “più europeo”

Il dirigente Vescovini: «Tecnologie, integrazione e progetti europei»


La scuola primaria “Verdi” dell’Istituto Guatelli conta 730 iscritti e 160 insegnanti. Così il dirigente dell’Istituto ha commentato i suoi progetti per il nuovo anno che sta per iniziare.

Le nuove tecnologie applicate alla didattica ricopriranno un ruolo fondamentale per essere a pari passo con la vita fuori dalle mura scolastiche: quindi meno carta e registro elettronico per tutte le classi. Ovviamente, per apportare queste modifiche saranno necessario dei corsi di aggiornamento per i docenti, più apparecchi informatici e tecnologici; inoltre entrerà in sperimentazione anche il progetto Google classroom.

Anche i progetti che mettono in contatto la scuola di Collecchio con i Paesi europei, avranno un ruolo importante. Il dirigente Vescovini quest’anno punterà molto anche sulle attività pomeridiane, però per far questo serviranno più spazi all’interno delle scuole.

Non per ultimo, un occhio di riguardo ci sarà anche sull’integrazione scolastica e sull’inclusione di bambini con difficoltà di apprendimento: «C’è bisogno di percorsi didattici individualizzati». Invece, a Parma si rischia di tenere i ragazzi disabili a casa sino al 17 settembre (data in cui si pronuncerà il Tar) perché probabilmente non ci sarà personale utile a garantire le semplici necessità dei ragazzi con disabilità.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *