13 Marzo 2017

Lista M5S, Nuzzo e Savani: no alle comunarie fatte in casa

Lista M5S, Nuzzo e Savani: no alle comunarie fatte in casa

Salta la strategia del consigliere comunale D’Alessandro, che sostiene Pizzarotti, per fermare la nascita di una lista del M5S


L’idea l’aveva lanciata lo stesso Andrea D’Alessandro: fare le comunarie a Parma, per far scegliere ai cittadini chi avrebbero voluto come candidato sindaco da proporre a Beppe Grillo. E nelle sue intenzioni sarebbe dovuta essere una corsa a tre. La competizione avrebbe riguardato lo stesso D’Alessandro, consigliere comunale del M5S e di maggioranza e quindi sostenitore di Pizzarotti. il gruppo Gli Amici di Beppe Grillo, molto critici nei confronti di Pizzarotti, ma forza nata fuori dal consiglio comunale ed infine i consiglieri comunali Mauro Nuzzo (espulso dal gruppo) e Fabrizio Savani (fuoriuscito a seguito dell’espulsione del collega), passati all’opposizione con il simbolo M5S Parma. E per i quali Pizzarotti ha inutilmente chiesto a Grillo di ritirare l’autorizzazione all’uso del logo.

Secondo l’idea originaria di D’Alessandro, solo dopo tali consultazioni ci si sarebbe dovuti rivolgere a Grillo, comunicando il vincitore per avere il benestare a partecipare rappresentando il M5S alle amministrative. Ma a questa proposta è arrivato lo stop di Nuzzo e Savani, che chiederanno autonomamente a Grillo la certificazione del logo per correre. A questo punto la stessa cosa sarà probabilmente fatta da Daniele Ghirarduzzi degli Amici di Beppe Grillo e dallo stesso D’Alessandro.

Il progetto di D’Alessandro, se fosse andato in porto, avrebbe potuto neutralizzare all’interno dei simpatizzanti e iscritti del M5S un’eventuale candidatura ostile a Pizzarotti. Inoltre se fosse stato il consigliere di maggioranza a prevalere, difficilmente Grillo lo avrebbe autorizzato a rappresentare il M5S a Parma, proprio in virtù dell’appoggio al sindaco. E quindi, con molta probabilità, il M5S si sarebbe potuto trovare senza un candidato, vedendosi costretto a rispettare l’esito delle comunarie fatte in casa.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *