23 Giugno 2015

L’esperienza narrata

L’esperienza narrata

Venerdì 26 dalle 17, alla biblioteca Guanda, è in programma il convegno “L’esperienza narrata. Donne e famiglie migranti volano per una educazione plurale: la mediazione culturale al femminile”


Il momento vuole essere un’occasione per riflettere su un’esperienza che ha coinvolto donne migranti assieme a diversi soggetti del territorio ed istituzioni. Si tratta di un progetto che nasce dall’incontro di realtà cooperative e associative italiane e straniere il cui obiettivo principale è sviluppare strumenti di comprensione e di dialogo tra le differenti culture per costruire modelli culturali condivisi, diritti e opportunità per tutti.

L’iniziativa riguarda il settore educativo della prima infanzia e mira a promuovere contenuti e temi educativi interni alla transculturalità, identificare buone pratiche di pari opportunità rivolte a cittadini migranti e strategie di conciliazione family-friendly.

L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparma e si è concretizzata grazie a Coop Kaleidoscopio (capofila del Progetto),  Università degli studi di Parma, Associazione Mani, Liceo Scienze Umane “A. San Vitale”, Progetti idee, Forma Futuro, con il patrocinio del Comune di Parma.

Le azioni del progetto messe in atto riguardano la ricerca, il corso di aggiornamento sulla mediazione inter culturale, il corso di formazione per donne migranti, la creazione di uno sportello di counseling mirato ad accompagnare processi di spin off per eventuali progetti d’imprenditoria al femminile.

All’incontro interverranno: Deborah Greco della coop Keleidoscopio, la vice sindaco con delega alla scuola Nicoletta Paci, Matilde Marchesini dell’Associazione Mani che parlerà de “L’idea del progetto”; seguiranno gli interventi di Nadia Monacelli dell’Università degli studi di Parma su “La ricerca-azione come metodo formativo”, Adriano Cappellini del Liceo Scienze Umana A. Sanvitale che parlerà di “Formare le educatrici. Le soggettività plurali nei progetti pedagogici”; Katya Lucà dell’Università che parlerà di “Osservarsi, osservare, creare relazione”, Andrea Davolo di Ausl Parma con un intervento incentrato sul “Ruolo della mediazione nella cura”, Elisabetta Mora del Comune di Parma parlerà di: “Il ruolo della mediazione nella politiche sociali del territorio”

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *