4 febbraio 2019

“Costruire attorno all’aeroporto? Silenzio ostile del Comune”

“Costruire attorno all’aeroporto? Silenzio ostile del Comune”

Legambiente: il Sindaco ci aveva definiti: “quelli che non sono nemmeno responsabili della penna che hanno mano. Poi, dopo 287 giorni, ha fatto quello che chiedevamo”


I lavori vanno fermati a meno di chiudere l’aeroporto, e comunque in autotutela dell’ente”. Lo scrivevamo nel dossier “Le relazioni pericolose tra Aeroporto e Mall” il 18 aprile 2018. Il Comune di Parma si è deciso 287 giorni dopo a sospendere in autotutela, con determina dirigenziale del 30/01/2019, ogni permesso a costruire o segnalazione di inizio attività (SCIA) nelle aree di tutela dell’aeroporto, fino ad approvazione del nuovo piano di rischio aeroportuale.

Un anno fa, di fronte al silenzio ostile dell’Amministrazione Comunale, andammo avanti con assemblee pubbliche, esame di documenti, consultazioni di esperti tecnici, avvisando il 24 maggio: “Ogni giorno che passa potrebbe esporre il Comune, e quindi la collettività, a una crescente richiesta di risarcimento danni, posto che il cantiere del mall Parma Urban District è già stato avviato e i lavori sono in corso… è bene che il Comune, nell’interesse di tutti, prenda provvedimenti di autotutela con la massima celerità”.

Fino ad essere costretti a presentare un esposto alla Procura della Repubblica, il 22 giugno scorso, firmato da Legambiente, WWF e ADA.

La Procura della Repubblica, trovando fondatezza nei nostri rilievi, dispose un’indagine che arrivò a sequestrare il cantiere il 19 ottobre. Successivamente il Tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di dissequestro del cantiere definendo “macroscopicamente illegittimi” i permessi concessi.

Nel frattempo il Sindaco ci aveva apostrofato in Consiglio Comunale come “quelli che non sono nemmeno responsabili della penna che hanno mano” mentre l’assessore all’urbanistica aveva più volte ribadito la regolarità della sua condotta e degli atti concessi alla ditta costruttrice.

Ora registriamo questa inversione a U che consideriamo comunque tardiva visto che c’è voluto l’intervento della magistratura per fermare dei lavori che, quanto meno in via cautelativa, non andavano autorizzati, come attesta lo stesso atto di sospensione emanato dal Comune.

Lasciamo giudicare alla città chi è che davvero ha mancato di responsabilità lasciando crescere le “relazioni pericolose” tra Mall e Aeroporto. Nell’attesa che le autorità competenti approfondiscano indagini e controlli, Legambiente, ADA e WWF continueranno a svolgere il proprio ruolo al servizio della collettività. Seguiremo la situazione con attenzione, informando e supportando i cittadini sulla base dei fatti concreti e degli atti amministrativi, come sempre senza pregiudizi politici e senza fare sconti a nessuno, quando in gioco ci sono gli interessi dell’ambiente, della sicurezza dei cittadini e della legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *