3 Maggio 2017

“Le Iene” a Borgotaro. Laminam (di nuovo) sotto accusa

“Le Iene” a Borgotaro. Laminam (di nuovo) sotto accusa

L’inviata Nadia Toffa si è recata nel paese dell’Appennino parmense per documentare la delicata situazione dovuta ai fumi emessi dalla fabbrica. VIDEO


Nella puntata di domenica sera de “Le Iene” è andato in onda un servizio girato a Borgo Val di Taro, nel quale i cittadini lamentano la delicata situazione venutasi a creare in seguito all’apertura della Laminam, una fabbrica i cui fumi sembra stiano causando gravi danni alla salute dei borgotaresi. In particolare, nel servizio della Iena Nadia Toffa, sono stati intervistati alcuni ragazzi all’uscita da scuola, i quali manifestavano tutti gli stessi sintomi per cui hanno dovuto anticipare l’uscita dalle classi, la Responsabile Legale della fabbrica ed il Sindaco Diego Rossi. Incriminata è soprattutto la vicinanza della Laminam alla scuola media, in linea d’aria sono infatti solamente 750 i metri di distanza tra l’azienda e la struttura.

Inoltre, in tre ore di permanenza a Borgotaro, anche l’inviata e la cameraman hanno evidenziato alcuni malesseri, quali bruciori di gola e nausea, sintomi simili a quelli contratti dagli abitanti del paese. Nonostante ciò, alla fine del servizio, sono stati citati alcuni punti che dovrebbero far tornare alla normalità la vita e la salute dei cittadini. Ad esempio, la sospensione dell’attività per 10 giorni in seguito al periodo pasquale.

VIDEO

Attività sospesa alla Laminam di Borgotaro

La ditta rimarrà ferma dieci giorni, per adottare i provvedimenti tecnici necessari a superare le emissioni di odori sgradevoli

0 comments

Borgotaro: dopo i cattivi odori si indaga per lesioni personali

In seguito al caso dei cattivi odori provenienti dalla fabbrica dei giorni scorsi, la Procura di Parma apre un inchiesta a carico di Laminam per lesioni e getto pericoloso di cose

0 comments

Borgotaro, il WWF: “Inaccettabile mettere in conflitto lavoro e salute”

“Il caso Laminam faccia riflettere su insediamenti industriali fuori scala, collocati in montagna senza alcun nesso con le vocazioni e con le caratteristiche ambientali del luogo”

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *