14 Marzo 2019

L’arresto del 65enne per estorsione

L’arresto del 65enne per estorsione

Sono arrivati gli aggiornamenti dalla Procura di Parma sul caso di usura ed estorsione. Ecco cosa ha scritto il Procuratore Alfonso D’Avino


“Nei giorni scorsi, i finanzieri appartenenti al Gruppo della Guardia di Finanza di Parma, nell’ambito di una attività di polizia giudiziaria delegata e diretta dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno eseguito l’arresto in flagranza di reato di un soggetto di origine partenopea di 65 anni, Mele Donato, residente a Parma, per il reato di estorsione e usura aggravata nei confronti di due imprenditori che versavano in difficoltà economiche.

L’indagine, scaturita dalla denuncia dei due imprenditori, ha permesso di delineare la vicenda, consentendo di ricostruire le operazioni finanziarie dell’uomo. Si tratterebbe di una somma complessiva prestata, tra il 2016 e il 2018, pari a 17.000 euro, per la quale Mele Donato richiedeva il pagamento di un tasso di intesse annuo fino al 120%. Le vittime, infatti, avevano già restituito, con pagamenti rateali, complessivamente 24.000 euro, ma M.D. non defalcava mai la somma restituita dalla quota capitale, avendo imposto il versamento anticipato di interessi ad un tasso del 10% al mese.

Per esigere il pagamento del debito, Mele Donato avrebbe, inoltre, eseguito reiterate pressioni nei confronti degli imprenditori, presentandosi presso le loro ditte ed arrivando persino a minacciare di morte gli stessi ed i loro familiari.

Dopo l’ennesima visita e la contemporanea minaccia di morte nel caso non avessero saldato il debito, i due imprenditori hanno deciso di presentarsi alle Fiamme Gialle di Parma e di denunciare l’accaduto.

Del fatto è stato dato immediato avviso alla Procura della Repubblica che ha disposto l’immediato avvio delle indagini, finalizzate a verificare soprattutto gli sviluppi ulteriori, segnatamente lo svolgimento di un ulteriore incontro programmato per le ore successive su iniziativa dell’attuale indagato.

In particolare la Procura della Repubblica, ravvisando la fondatezza delle esigenze investigative prospettate dal Gruppo dalla Guardia di Finanza, ha disposto in via di urgenza l’intercettazione audio e video tra presenti, finalizzato a riprendere e controllare l’incontro dell’indagato con una delle vittime, delegando a tal fine per l’esecuzione l’organo di polizia giudiziaria innanzi citato.

I finanzieri, appostati nelle vicinanze del luogo dell’incontro, hanno constatato l’arrivo del Mele e sono riusciti a seguire “in diretta” la conversazione tra l’indagato ed uno degli imprenditori denuncianti.

In particolare, dalle investigazioni così attivate, è emersa l’estrema difficoltà della vittima a continuare a versare la rata mensile, nonostante avesse chiesto aiuto ai propri parenti, laddove il Mele ha insistito nelle proprie pretese, minacciando ulteriormente l’imprenditore.

A quel punto, i finanzieri sono intervenuti ed hanno tratto in arresto il Mele in flagranza di reato per usura ed estorsione, ponendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso la Casa Circondariale di Parma.

A seguito di richiesta di convalida dell’arresto, il GIP di Parma –dopo l’udienza, nel corso della quale all’indagato sono state formalmente contestate le ipotesi di reato formulate dal Pubblico Ministero, consentendogli di articolare la sua difesa- ha convalidato l’arresto ed ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Sono in corso ulteriori indagini volte a definire il contesto in cui è maturata l’attività di usura ed estorsione.”

Prestava soldi con interessi fino al 120%

La Guardia di Finanza di Parma ha arrestato un sessantacinquenne con le accuse di usura ed estorsione

0 comments

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *