30 Marzo 2017

Tassa rifiuti sempre più cara: nel 2017 mezzo milione di euro in più

Tassa rifiuti sempre più cara: nel 2017 mezzo milione di euro in più

Dall’Olio PD: “Più Tari e meno Cosap, i conti non tornano per i commercianti. Nel 2017 il costo dei rifiuti aumenta di 572mila, per un costo complessivo di 35mln”


“L’amministrazione Pizzarotti, a due mesi dal voto, ritocca la COSAP per i dehors degli esercizi commerciali, ma intanto il costo del servizio rifiuti, che incide fortemente sul bilancio dei commercianti, continua a salire. Nel 2017 il costo del servizio aumenta infatti di 572mila euro rispetto all’anno precedente per un importo complessivo di € 35,2 milioni di euro. Se si toglie il contributo riconosciuto dalla Regione con la recente legge sui rifiuti, si tratta di ben 2,5 milioni di euro in più rispetto al 2012, anno di insediamento dell’amministrazione.

Questo costo ricade per oltre la metà sulle utenze non domestiche che continuano a pagare TARI salatissime calcolate in gran parte sulla superficie e non sui rifiuti prodotti. Un anno fa presentai un ordine del giorno che impegnava il Sindaco e l’assessore Folli ad introdurre, a partire dal 2017, la tariffazione a corrispettivo sull’esempio di altri Comuni della Provincia e del Comune di Carpi.

È questo il vero sistema di tariffazione puntuale che consente di rendere davvero proporzionale il pagamento del servizio in funzione dei rifiuti prodotti. Esso inoltre, riportando la fatturazione in capo ad IREN e non al Comune come avviene adesso, permette ai soggetti detentori di IVA, come i commercianti, di scaricare l’aliquota del 10% con un risparmio complessivo stimato per le utenze non domestiche dell’ordine di 1,5 milioni di euro.

Purtroppo, nonostante l’ordine del giorno sia stato votato all’unanimità dal Consiglio, il sindaco e l’assessore non hanno mantenuto gli impegni. Nel 2017 i commercianti continueranno quindi a pagare la TARI non in proporzione al rifiuto prodotto e per di più con un sovraprezzo del 10%, che poteva invece essere scaricato.

Siccome sanno sicuramente fare di conto, sapranno anche valutare che cosa incide di più sul proprio bilancio: se la mancata riduzione della TARI o uno sconto alla COSAP che si applica solo per occupazioni di suolo pubblico superiori ai 7 mesi”.

Nicola Dall’Olio Capogruppo PD Consiglio comunale

“Tassa dei rifiuti a Parma, in arrivo imprevisto aumento considerevole”

Federconsumatori non ci sta: “chiesto un incontro con ATERSIR e Comune di Parma per aprire un confronto. Stangati e presi in giro?”

0 comments

Ghiretti: “Sui rifiuti aumenti da 76 euro all’anno”

Il consigliere di Parma Unita: “aumento della Tari nell’ordine di 0,76 euro al chilo, mediamente una famiglia si stima produca 100 chili all’anno di rifiuti”

0 comments

Contratti truffaldini energia elettrica, massima allerta!

Federconsumatori Parma mette in guardia dai reiterati comportamenti commerciali scorretti di una nota compagnia

0 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *