20 Dicembre 2017

La sede di Mutti verrà trasformata con migliaia di barattoli di vetro

La sede di Mutti verrà trasformata con migliaia di barattoli di vetro

I lavori inizieranno nel 2018. Saranno guidati da Carlo Ratti, architetto, ingegnere e docente presso il Mit di Boston


La sede della Mutti sta per cambiare volto. Ad inizio 2018, infatti, inizieranno i lavori che prevedono la ricostruzione dell’azienda, situata a Piazza nel Comune di Montechiarugolo, che porteranno la struttura ad un restyling completo. Come sottolinea il portale professionearchitetto.it, i lavori saranno guidati da Carlo Ratti, architetto, ingegnere e docente presso il Mit (Massachusset Institute of Technology) di Boston. Il progetto della Cra-Carlo Ratti Associati si è aggiudicato il concorso che ha visto la partecipazione anche di altri importanti nomi riguardanti l’architettura mondiale.

I lavori, che come già scritto inizieranno nel 2018, prevedono l’apertura al pubblico dell’azienda, cardine fondamentale del progetto che prevede la realizzazione di un centro per i visitatori in cui i muri saranno formati unicamente da migliaia di barattoli di vetro, utilizzati precedentemente per la conservazione del prodotto. Sempre con i barattoli di vetro saranno realizzate due pareti semitrasparenti da 120 metri ciascuna, per dare un segnale di continuità tra l’interno e l’esterno. Il centro visitatori accoglierà un ristorante circondato da un frutteto, un auditorium e una control room dove poter seguire le fasi di lavorazione del pomodoro in tempo reale. Chiunque vorrà recarsi allo stabilimento potrà vedere gli operai al lavoro e le fasi di lavorazione della conserva in quanto verrà costruita una terrazza in cima all’edificio.

L’area si estenderà su una superficie di 250mila metri quadri, di cui 24mila ospiteranno un parco della biodiversità. Non solo, ma sono previsti anche miglioramenti agli impianti di produzione e agli uffici, con l’ipotesi di spostare alcuni uffici ed immergerli in una limonaia. Come un luogo di lavoro che pian piano si trasforma in un vero e proprio museo…

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *