11 Aprile 2017

La macchina posatubi del futuro viene da Busseto

Da / 2 anni fa / Busseto / Nessun commento
La macchina posatubi del futuro viene da Busseto

Il macchinario si chiama LLS ed ha riscosso grande successo tra gli addetti ai lavori in occasione della sua presentazione al convegno The Novel Construction Initiative Spring Plenary Session


L’azienda di Busseto Laurini Officine Meccaniche , attenta all’uso di una “forza intelligente” che dia vita a macchinari sempre più efficienti, ha destato l’interesse dei partecipanti al convegno che si è tenuto all’hotel NH Amsterdam Centre, illustrando il sistema di posa LLS – Laurini Laying System , un posatubi di nuova generazione,  che ha come obiettivo quello di superare le difficoltà riscontrate fino ad oggi con una tradizionale macchina posatubi, partendo dalla sicurezza sul lavoro.

I dati rivelano, infatti, che negli ultimi decenni si sono verificati centinaia di incidenti fatali, LLS  azzera il rischio di rovesciamento grazie ad una struttura senza precedenti dotata di due diversi cingoli, uno che lavora nello scavo e uno sulla pista, che consentono una maggiore stabilità della macchina, sostituendo così l’utilizzo del braccio meccanico e dei cavi per sollevare a sbalzo i carichi sospesi. Un sistema di posa più sicuro, che porta anche allo snellimento delle pratiche burocratiche e delle certificazioni in materia di sicurezza. Laurini Laying System  rappresenta un notevole passo in avanti anche in fatto di ecosostenibilità ambientale: avvicinandosi allo scavo, riduce la carreggiata dei lavori di almeno 3 metri, con la conseguente diminuzione di terreno da disboscare e piantumare. Un sistema ideale ed efficace per contenere le emissioni di CO₂ , circa 30 miliardi di tonnellate ogni anno, provocate principalmente dalla combustione e dalla deforestazione.

Non è da sottovalutare, inoltre, la facilità di trasporto: LLS  è modulare, quindi smontabile e componibile in loco, con una sostanziale riduzione dei costi logistici e di spedizione pari a circa il 70% sul trasporto stradale e al 90% sul trasporto navale.

“L’introduzione di LLS non causerà il definitivo abbandono dei sideboom tradizionali, indispensabili in certi progetti particolari che presentano, per esempio, pendenze elevate. Tuttavia siamo fortemente convinti che LLS sia in grado di fornire un metodo più economico, più efficiente e certamente più sicuro degli attuali posatubi”  ha affermato Paolo Garbi, Direttore Commerciale di Laurini Officine Meccaniche.“L’innovazione è una sfida, che parte da un’idea per concretizzarsi nella realtà” ha dichiarato  Marco Laurini, Presidente di Laurini Officine Meccaniche. “Ogni macchina che abbiamo costruito fino ad oggi, nasce da concetti rivoluzionari rispetto alla progettazione tradizionale. Per noi, Laurini Laying System in molti particolari casi potrà diventare la macchina del futuro”.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *