9 ottobre 2018

Iren è la 25esima azienda italiana per fatturato

Iren è la 25esima azienda italiana per fatturato

Report The European House – Ambrosetti. Peveraro: “E’ fondamentale che la gestione sia affidata ad imprese efficienti”


Iren è la 25esima azienda del comparto industriale italiano per fatturato e contribuisce al Pil nazionale per 2,3 miliardi di euro. L’azienda è cresciuta in Borsa del 93% negli ultimi 5 anni e ha attivato 25mila posti di lavoro in Italia.

A dirlo è la ricerca dal titolo “Il contributo di Iren alla creazione di valore per i territori e nelle città”, realizzata da The European House – Ambrosetti.

The European House – Ambrosetti ha applicato a Iren il proprio modello, cosiddetto dei 4 Capitali (economico, ambientale, cognitivo e sociale culturale), di misurazione e valutazione multidimensionale del valore creato da un’impresa e il suo contributo allo sviluppo del territorio e del Paese.

“Il nostro futuro, come aziende di pubblica utilità, sarà quello di allacciare sempre più innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile alla vita quotidiana delle persone, nelle grandi città come nelle piccole comunità urbane. Continueremo a produrre e vendere kilowatt, a illuminare e spazzare strade, a distribuire acqua e gas e raccogliere rifiuti, ma faremo tutto questo declinandolo sempre più con il digitale, l’internet delle cose, la mobilità elettrica, il riciclo e il riuso dei materiali e la compatibilità ambientale.

Ma è bene ricordare che per garantire servizi di alta qualità ai cittadini e all’ambiente, è fondamentale che la gestione sia affidata ad imprese efficienti, tecnologicamente e managerialmente evolute, socialmente responsabili. Questi dovrebbero essere i criteri di selezione dei soggetti gestori, piuttosto che l’assetto proprietario o la forma giuridica. Le concessioni si possono adeguare, ma non eliminare. Bisogna dirlo chiaro”, ha affermato Paolo Peveraro, presidente Iren.

A Parma è in corso di assegnazione il bando per l’assegnazione del servizio rifiuti e negli ultimi giorni sono emerse critiche da parte dell’Antitrust in merito alla formulazione della gara di appalto.

“Quattro anni di crescita continua hanno portato Iren ad essere più grande e più solida con sempre maggiore impegno verso i territori. La visione circolare di Iren, che pone al centro il cliente, sarà la base delle azioni strategiche del gruppo e il focus principale sarà la crescita in un contesto di scelte ambientalmente sostenibili. Il piano industriale che abbiamo recentemente presentato prevede 3 miliardi di euro di investimenti, di cui più della metà in sostenibilità, con una ricaduta sull’indotto veramente importante e nuove opportunità occupazionali” – ha aggiunto Massimiliano Bianco, amministratore delegato di Iren.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati. *