11 Ottobre 2019

“Insieme per il Baganza”. Cinque anni dopo, il Montanara ricorda l’alluvione

“Insieme per il Baganza”. Cinque anni dopo, il Montanara ricorda l’alluvione

Sabato 12 ottobre, al Centro Giovani Montanara, una serata per guardare al futuro


E’ in programma nella serata di sabato 12 ottobre, dalle 18.30, al Centro Giovani Montanara di via Pelicelli 13/a, la serata: “Insieme per il Baganza”, sarà l’occasione per riflettere, confrontarsi e guardare al futuro a 5 anni dall’alluvione del torrente Baganza del 2014. La serata vede il coinvolgimento di diversi soggetti: Comune di Parma, Comitato Provinciale di Parma delle Associazioni di Volontariato per la Protezione Civile, Aipo – Agenzia Interregionale per il fiume Po, Regione Emilia Romagna, Centro Giovani Montanara, scuole del territorio, in particolare l’Istituto Comprensivo Salvo D’Acquisto, rappresentanti dei Consigli dei Cittadini Volontari dei quartieri Montanara e Molinetto, associazioni del territorio e Comitato Alluvionati.

L’appuntamento è alle 18.30 con i saluti di Paola Gazzolo, Assessore alla Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna della Regione Emilia Romagna; dell’Assessore alle Politiche di Pianificazione e Sviluppo del Territorio e delle Opere Pubbliche del Comune di Parma, Michele Alinovi; e dei rappresentanti di Protezione civile, Centro Giovani Montanara, Associazioni e Istituto comprensivo Salvo D’Acquisto. A seguire: recita dei bambini e testimonianze degli “Angeli del fango”; proiezione dei video prodotti dal Comune di Parma a testimonianza dell’alluvione del 2014 e del modello della nuova cassa di espansione del Baganza e, infine, cena conviviale offerta dai volontari della Protezione civile di Parma

La serata sarà preceduta, dalle 15 alle 17.30, dalle visite alla Cassa di espansione del torrente Parma, a cura del personale di AIPO. L’appuntamento è a Marano, via Giovanni Masi (laterale a destra di Strada Argini) a circa 6 km a sud della città, 600 metri dopo l’incrocio con Strada Bassa dei Folli (venendo da Parma).

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *