31 Luglio 2018

Inceneritore: confermato limite di 130mila tonnellate fino al 2020

Da / 12 mesi fa / Città / Nessun commento
Inceneritore: confermato limite di 130mila tonnellate fino al 2020

Eccezioni ammesse solo in caso di “soccorso” ad altri territori extraregionali in situazioni di emergenza.


Fino al 2020 l’inceneritore di Ugozzolo continuerà a trattare rifiuti urbani fino a un massimo di 130mila tonnellate l’anno. La Regione Emilia-Romagna ha rinnovato l’accordo con Comune di Parma e Iren Ambiente siglato nel 2016 e scaduto lo scorso 1° luglio.

La soglia potrà essere oltrepassato solo in caso di “soccorso” ad altri territori extraregionali meno virtuosi e interessati da situazioni di emergenza.

Per i rifiuti speciali, come in passato, la quota annuale è definita dalla Regione in base al monitoraggio previsto dal Piano regionale dei rifiuti.

“Siamo soddisfatti del risultato ottenuto dopo il tavolo da noi convocato in Municipio: la proposta di autolimitare la capacità di incenerimento era un obiettivo che come Comune e come città abbiamo fortemente voluto e richiesto”, commentano il sindaco, Federico Pizzarotti, e l’assessore all’Ambiente, Tiziana Benassi. “Ora vogliamo fare di più: Parma con il suo modello di raccolta differenziata, che ha raggiunto picchi dell’80%, può ambire a diventare il laboratorio nazionale di un’economica circolare e sostenibile di cui l’Italia e l’Europa hanno bisogno. In settembre intendiamo convocare il primo tavolo operativo, che metta a confronto istituzioni, territorio, Università e imprese. Partirà una nuova fase del modello Parma”.

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *