25 Giugno 2019

Guardia di Finanza, tutti i numeri e le indagini dell’ultimo anno e mezzo

Guardia di Finanza, tutti i numeri e le indagini dell’ultimo anno e mezzo

Sono stati resi pubblici in occasione dei festeggiamenti del 245° Anniversario della Fondazione nella giornata di martedì 25 giugno


Le Fiamme Gialle di Parma hanno celebrato nella giornata di martedì 25 giugno il 245° Anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza, le cui origini risalgono al 5 ottobre 1774 quando il Re di Sardegna Vittorio Amedeo III costituì, in Piemonte, la Legione Truppe Leggere.

Il Comandante Provinciale, dopo una breve personale allocuzione, ha quindi proceduto alla consegna di alcune ricompense per lodevole comportamento in servizio. Sono stati consegnati gli “encomi solenni”, concessi dal Comandante Interregionale dell’Italia Centro Settentrionale della Guardia di Finanza, ai militari che si sono particolarmente distinti nell’operazione denominata “Cocktoil”, complessa attività di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria eseguita dal Gruppo di Parma nei confronti di un pericoloso sodalizio criminale operante in questa ed in altre province del territorio nazionale, nel settore del contrabbando di oli minerali. Il Comandante Provinciale ha inoltre consegnato alcuni “encomi semplici”, concessi dal Comandante Regionale Emilia Romagna della Guardia di Finanza, ai militari protagonisti dell’operazione “Daunia”, un’articolata attività di polizia economico-finanziaria finalizzata al contrasto dell’economia sommersa svolta dalla Tenenza di Fidenza, nei confronti di un sodalizio criminoso dedito all’autoproduzione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Tra il gennaio del 2018 e il maggio del 2019 le Fiamme gialle di Parma hanno concluso 5.722 interventi ispettivi e 771 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile. Nel territorio parmense, particolare attenzione viene rivolta alle frodi fiscali ed al fenomeno dell’intermediazione illecita di manodopera. L’azione di contrasto a questi fenomeni, particolarmente pericolosi per l’equilibrio e la stabilità del sistema economico, si sviluppa attraverso l’esecuzione di mirati controlli lungo le filiere produttive del territorio, volti a verificare l’eventuale somministrazione illecita di manodopera mediante false cooperative di servizio, oppure attraverso lo svolgimento di attività investigative più complesse, sotto l’egida dell’Autorità Giudiziaria. Come, ad esempio, l’operazione “Nemesi”, svolta dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria e diretta dalla Procura della Repubblica di Parma, che ha consentito di scoprire falsi crediti IVA per 14.000.000 di euro, di denunciare 59 responsabili e sequestrare beni per 4 milioni di euro.

Si riepilogano, di seguito, i risultati di servizio complessivamente conseguiti nell’ultimo anno e mezzo, distinti in macro-aree operative:

  1. Lotta alle frodi fiscali, all’economia sommersa ed al gioco illegale.
    In questo comparto rientrano le attività di verifica e controllo nei vari settori impositivi e le indagini nei confronti dei fenomeni evasivi più diffusi e pericolosi. In particolare, sono state concluse 205 indagini di polizia giudiziaria, cui si aggiungono 350 interventi, fra verifiche e controlli fiscali, a seguito dei quali sono stati scoperti 70 evasori totali che hanno occultato al fisco oltre 31,5 milioni di euro. Le persone denunciate per reati tributari sono state 160, di cui 13 in stato di arresto. Trattasi di reati quali emissione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta, occultamento di documentazione contabile ed indebita compensazione, frodi in materia di accise, a testimonianza dell’impegno del Corpo nei confronti dei fenomeni di frode ed evasione più complessi ed articolati.
  2. Contrasto alle truffe sui fondi pubblici ed all’illegalità nella Pubblica Amministrazione.
    Comprende le attività svolte per la prevenzione e repressione delle truffe in danno dei finanziamenti nazionali, comunitari e a carico dei bilanci delle Regioni e degli Enti locali, ivi comprese quelle relative alla spesa sanitaria ed alle prestazioni sociali agevolate, nonché le indagini nel settore della corruzione e degli altri reati contro la Pubblica Amministrazione e gli accertamenti in materia di danni erariali. Proprio in quest’ultimo comparto è stato quantificato un danno erariale per oltre 7,8 milioni di euro. È proseguita l’azione nel controllo della corretta attribuzione delle agevolazioni per il ticket sanitario, per l’attribuzione delle case popolari o per l’esenzione delle tasse universitarie. In particolare, sono stati eseguiti 94 controlli e scoperti 56 soggetti che hanno beneficiato di servizi pubblici ad un “prezzo” inferiore rispetto al dovuto o, addirittura, gratuitamente, dichiarando falsamente l’assenza di reddito.
  3. Contrasto alla criminalità organizzata ed alla criminalità economico-finanziaria.
    In tale macro-area sono compresi gli accertamenti patrimoniali antimafia, gli approfondimenti delle segnalazioni di operazioni sospette, i controlli e le ispezioni antiriciclaggio, i controlli sulla circolazione transfrontaliera di valuta nonché le investigazioni riguardanti i reati societari, fallimentari e finanziari. Nel settore dei reati fallimentari, di concerto con la Procura della Repubblica di Parma, sono state denunciate a piede libero 55 persone, di cui 2 in stato di arresto. Accertate distrazioni per oltre 10,7 milioni di euro.
  1. Contrasto ai traffici illeciti.
    Sono stati svolti specifici controlli “anticontraffazione” all’interno dei “mercati settimanali” – sia di Parma che nella provincia – a seguito dei quali sono stati sequestrati circa 2.000 prodotti contraffatti e denunciate alla competente Autorità Giudiziaria 15 persone. In aderenza alle indicazioni fornite dalla locale Prefettura di Parma alle varie Forze dell’ordine per arginare il crescente fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nel medesimo periodo sono stati intensificati i servizi di controllo “antidroga”, svolti talora unitamente alle unità cinofile del Corpo nelle zone maggiormente interessate dallo spaccio; complessivamente sono state denunciate a piede libero 5 persone e segnalati alla locale Prefettura 44 consumatori.
  2. Controllo economico del territorio.
    Nell’ultimo anno e mezzo sono pervenute, al numero di pubblica utilità “117”, 758 chiamate; trattasi, in particolare, di segnalazioni su possibili casi di evasione fiscale, lavoro nero, in materia disciplina prezzi, contraffazione marchi, professione abusiva e truffa. Per il controllo economico del territorio sono state impiegate circa 2.040 pattuglie che hanno toccato il territorio di ogni Comune della provincia parmense.

 

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *